in

Riapertura frontiera, dal 3 giugno via libera a spostamenti in Europa: nessuna quarantena obbligatoria

L’Italia si sta finalmente muovendo verso la riapertura della frontiera e tra regioni. Il 18 maggio è una delle date più attese, soprattutto dal punto di vista economico. Ogni Regione sta decidendo come affrontare la riapertura. C’è chi parte subito con il botto e chi preferisce scaglionare i vari settori. Una cosa è certa: ancora non ci si potrà muovere con completa libertà. Libertà solo all’interno della proprio regione e c’è ancora chi è separato dal proprio congiunto. Sembrava che la data di apertura non arrivasse mai e invece eccola qui: 3 giugno. Quel giorno saranno riaperti non solo gli spostamenti tra regioni, ma anche la frontiera italiana.

>>Leggi anche: Congedo parentale Covid: come funziona e chi può chiederlo

riapertura frontiera 3 giugno

Riapertura frontiera europea

L’Italia il 3 giugno dovrebbe riaprire le frontiere con il resto dell’Europa. Nel decreto, che sarà varato nelle prossime ore dal Governo Conte, è prevista infatti la possibilità che dal 3 giugno, oltre agli spostamenti fra Regioni, sarà possibile entrare in Italia dai Paesi dell’Unione europea e dall’area Schengen, compresa la Svizzera. Un respiro di sollievo, dunque, per tutte quelle persone che non aspettavano altro di avere una data certa per poter rivedere i propri cari. Inoltre, per chi varcherà i confini non sarà più prevista alcuna quarantena obbligatoria. Una misura che mira a far riprendere il flusso turistico in vista dell’estate preparata dai ministri Vincenzo Amendola, Dario Franceschini e Luigi Di Maio. Senza dimenticare i tanti nuclei familiari divisi dal blocco delle frontiere dallo scorso marzo.

riapertura frontiera 3 giugno

Accordi con gli altri paesi

Si vuole inoltre impedire, come riportano voci di questi giorni, di accordi per “corridoi” che escludano l’Italia. Anche la Spagna è in allarme per queste iniziative anche se la Commissione europea è al lavoro per regolare la riapertura delle frontiere fra tutti paesi membri. L’Agenzia Ue per le malattie tuttavia normerà fino a bloccare il flusso di viaggiatori tra nazioni ad alta densità di contagio.

I ministri degli Esteri dei vari Paesi si dovrebbero riunire lunedì in videoconferenza per avviare il processo di coordinamento sulla riapertura delle frontiere. Saranno chiuse invece di certo fino al 15 giugno le frontiere esterne dell’Europa.   >>Tutte le notizie di UrbanPost

 

fase 2 spostamenti

Fase 2 spostamenti, cosa potremo fare da lunedì 18 maggio: linee guida e protocolli

Emily Ratajkowski

Emily Ratajkowski Instagram, zoom sui leggings attillati e lato B spettacolare: «Quanto è fortunato il tuo cane!»