in

In arrivo la riforma del catasto: come cambia l’Imu sulla prima casa

La riforma del catasto ci sarà. Il presidente del consiglio, Mario Draghi, ha dichiarato che già dalla prossima settimana approderà in parlamento. Il premier, al termine della riunione del Consiglio dei ministri per l’approvazione del Def (Documento di Economia e Finanza), ha subito tranquillizzato gli italiani: nessuno pagherà di più. Ed è inoltre da escludere l’Imu sulla prima casa.

riforma del catasto

Riforma del catasto in arrivo: esclusa l’Imu sulla prima casa

Il premier spiegato che la prossima settimana la delega per la riforma fiscale sarà in parlamento. È in programma, tra le altre cose, la revisione del catasto. “La revisione è una questione di trasparenza, perché non è chiaro come molti anni fa siano stati individuate le rendite e i coefficienti per la rivalutazione”. La riforma delle rendite catastali avverrà in due step. La prossima settimana il consiglio dei ministri analizzerà una ricognizione “di tipo informativo-statistico”. La riforma vera e propria sarà affidata ai decreti delegati.

Il premier ci ha tenuto a sottolineare che in ogni caso la revisione delle rendite catastali non produrrà un aumento della pressione fiscale sui proprietari e non toccherà la prima casa che resterà esentasse. L’Imu sull’abitazione principale non scatterà neanche per i più ricchi, ossia per chi ha un reddito superiore a una determinata soglia.

ARTICOLO | Elezioni comunali Roma, il cameriere che fece cadere Marino ora è candidato con Raggi

ARTICOLO | Clima, Draghi: «Giovani hanno più da perdere, giusto che chiedano responsabilità»

Imu e tasi 2016, imu e tasi in scadenza, imu e tasi 2016 pagamento, imu e tasi 2016 in ritardo, imu e tasi 2016 prima rata, imu e tasi 2016 acconto,

Imu sulla prima casa

Più che di imposte sulla prima casa si tratta di una revisione degli estimi (le rendite degli immobili calcolate dal catasto per fini fiscali). Questo potrebbe portare a un aumento sostanziale dei contribuenti esentati. Con le regole attuali non pagano l’lmu e pagano imposte ridotte (2% anziché il 9%, 4% invece del 22% in regime Iva), in caso di acquisto che rispetti determinati requisiti di possesso e residenza, tutte le abitazioni che non appartengano alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, i tre gruppi che identificano le residenze di lusso. Cambiando i parametri per la classificazione degli immobili, cambierà inevitabilmente la definizione di immobile di lusso: le case pregiate saranno molte più di quelle attuali.>>Tutte le notizie

Seguici sul nostro canale Telegram

Elezioni comunali Roma, il cameriere che fece cadere Marino ora è candidato con Raggi

Mimmo Lucano l’ex sindaco di Riace è stato condannato a 13 anni e 2 mesi di reclusione