in

Rotterdam, proteste contro il lockdown: la polizia spara, feriti due manifestanti

Attimi di panico al centro di Rotterdam, città portuale situata nella provincia dell’Olanda Meridionale. Disordini dopo le proteste contro le misure restrittive disposte dal governo olandese per fronteggiare la pandemia. Pare che 20 persone siano state arrestate e 7 siano rimaste ferite. Due di queste sarebbero state colpite da agenti, che hanno sparato a scopo di avvertimento. Tante le persone in piazza ad urlare «Libertà libertà», non prima di far esplodere petardi e lanciare oggetti contro la polizia. Incendiata anche un’auto delle forze dell’ordine: gli stessi pompieri sono stati presi di mira mentre cercavano di domare le fiamme. Diversi i mezzi a cui è stato dato fuoco.

leggi anche l’articolo —> Il virus fuori controllo, scelta drastica dell’Austria: lockdown per tutti e vaccino obbligatorio

proteste rotterdam

Rotterdam, proteste contro il lockdown: la polizia spara, feriti due manifestanti

Immagini sconcertanti arrivano da Rotterdam, dove è esplosa una feroce protesta contro il governo reo di aver adottato nuove restrizioni per contenere l’aumento dei contagi da Covid-19. La polizia è intervenuta, schierando i reparti antisommossa, facendo ricorso ad un cannone ad acqua per disperdere la folla. Alcuni agenti hanno sparato colpi di  avvertimento che hanno causato dei feriti. Sulle circostanze sono in corso dei chiarimenti: la conferma è arrivata anche dalla Polizia. Gerrit van de Kamp, presidente del sindacato, ha spiegato: «Dovremo indagare su cosa è successo esattamente qui. Ma è chiaro che il limite è stato raggiunto. Non si può continuare su questa strada. Da tempo diciamo che questo non è più possibile». Gli scontri sono durati a lungo. Il Comune ha disposto un’ordinanza d’emergenza «per mantenere l’ordine pubblico e tutelare l’incolumità delle persone». L’Olanda, lo ricordiamo, è stato il primo paese europeo ad aver fatto ricorso nuovamente ad un lockdown parziale dopo l’impennata dei contagi.

proteste rotterdam

Cresce la protesta no vax anche in Italia: si temono disordini

E ora c’è il timore che una situazione simile possa verificarsi anche nel nostro Paese, dove la protesta dei no vax monta. I no Green Pass scendono di nuovo in piazza a Roma. A più di un mese dall’assalto alla sede sindacale della Cgil, il gruppo estremo del movimento si accinge a riunirsi al Circo Massimo. I no vax si sono dati appuntamento sabato 20 novembre alle 15 al Circo Massimo. L’allerta del Viminale è massima: «Per il momento è più pubblicizzata che organizzata, ma il grado attenzione da parte nostra è molto alto», fanno sapere le autorità. Leggi anche l’articolo —> No Green Pass al Circo Massimo il 20 novembre: in testa alla protesta Nicola Franzoni, chi è

proteste Rotterdam

Seguici sul nostro canale Telegram

Ponte dell'Immacolata con il Covid, quale sarà la situazione in Italia

Ponte dell’Immacolata con il Covid, quale sarà la situazione in Italia

terremoto Livorno

Terremoto all’alba a Livorno, tre scosse di seguito: avvertito anche a Firenze. Scuole chiuse