in

Ultimi sondaggi: il PD si conquista il primo posto spodestando Fratelli d’Italia e Lega

Colpo di scena: il PD si conquista il primo posto nella classifica dei partiti, scavalcando Fratelli d’Italia e mandandolo direttamente sul gradino più basso del podio. Nel mezzo, poi, si posiziona la Lega di Matteo Salvini, nonostante anche questa settimana abbia perso qualche consenso. A dimostrarlo sono gli ultimi sondaggi politici di oggi realizzati da Ipsos per il Corriere della Sera.

sondaggi politici oggi

Sondaggi politici oggi, le percentuali dei partiti

Ecco le percentuali che, secondo gli ultimi sondaggi politici, oggi i partiti raccoglierebbero se i cittadini fossero chiamati alle urne:

  • Partito Democratico: 20,7%
  • Lega: 20%
  • Fratelli d’Italia: 18,8%
  • Movimento 5 Stelle: 16,5%
  • Forza Italia: 8%
  • Azione: 2%
  • Sinistra Italiana: 2%
  • Italia Viva: 2%
  • +Europa: 2%
  • Europa Verde: 2%
  • Art.1/MDP: 1,2%
  • Altre liste: 4,8%
  • Astenuti/Non si esprimono: 40,9%

Archiviata la tornata elettorale di ottobre, gli ultimi sondaggi politici di oggi cercano di proporre un quadro delle intenzioni di voto, di ciò che vorrebbero i cittadini italiani. Ed ecco una sorpresa: dopo mesi, anni di primato del centrodestra, il Partito Democratico sembra conquistarsi il primo posto in classifica con il 20,7% dei consensi. Nonostante un leggero calo, segue subito dopo la Lega di Matteo Salvini con il 20% delle preferenze. Terzo posto, inaspettatamente, per Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che questa settimana non riesce a raccogliere più del 18,8%. Fuori dal podio, invece, si posizionano il Movimento 5 Stelle con il 16,5% e Forza Italia con l’8%.

Sotto la soglia di sbarramento, poi, troviamo Azione (2%), Sinistra Italiana (2%), Italia Viva (2%), +Europa (2%), Europa Verde (2%), Art.1/MDP (1,2%). Ampia la platea di chi preferisce non esprimersi: 40,9%.

ARTICOLO | “Per Draghi a Palazzo Chigi è finita, ore contate”, il retroscena di Sallusti. La frase rubata di Giorgetti

ARTICOLO | Che cos’è la “tagliola”, la procedura usata dal Senato per affossare il Ddl Zan

Sondaggi politici oggi, gli italiani non vorrebbero Silvio Berlusconi come nuovo presidente della Repubblica

Un altro sondaggio sempre realizzato da Ipsos, questa volta però per ITV Movie, ha domandato agli italiani la propria opinione rispetto all’ipotesi che Silvio Berlusconi possa diventare il nuovo presidente della Repubblica. Il risultato è netto: il 69% dei cittadini non vorrebbe vedere il Cavaliere ricoprire la massima carica dello Stato. Solamente il 21%, invece, sarebbe d’accorso. Non solo: è emerso anche che la maggior parte degli italiani preferisce che Mario Draghi resti a capo del governo, e quindi che non prenda il posto di Sergio Mattarella come prossimo capo dello Stato. Nello specifico, infatti, solamente il 20% preferirebbe vedere Mario Draghi al Quirinale, mentre il 60% ha dichiarato che lo vedremo meglio nell’attuale veste di presidente del Consiglio.

Infine, rispetto alla corsa al Quirinale, il 78% ammette che sarebbe arrivato il momento di vedere una donna sedere la poltrona del presidente della Repubblica.

no green pass draghi

Lo scenario politico

L’affossamento del Ddl Zan, la votazione della Manovra. Il governo in questo momento si trova ad affrontare un’agenda politica estremamente piena, insieme allo scontento provocato dal Senato alcuni giorni fa rispetto alla proposta di legge contro l’omotransfobia. L’utilizzo della “tagliola”, infatti, ha incrementato il numero delle manifestazioni in giro per tutta Italia. Manifestazioni che, anche per quanto riguarda il Green Pass obbligatorio per i lavoratori, stavano già bloccando le più grandi città della Penisola. Insomma: il disappunto generale ormai non lo si può più nascondere. In tutto questo, poi, si aggiungono le manovre inserite nella Legge di Bilancio 2022: dall’eliminazione di Quota 100 per far spazio a Quota 102, ai bonus sulla casa che sono stati ridimensionati fino alle modifiche sul reddito di cittadinanza.

Non è tutto: la corsa al Quirinale sta già facendo scalpitare le coalizioni, che ora dovranno capire come muoversi nei prossimi mesi, considerando anche l’eventualità che Mario Draghi possa trasferirsi al Quirinale. >> Tutte le notizie di UrbanPost

Seguici sul nostro canale Telegram

Ercolano sparatoria

Sparatoria ad Ercolano, scambia due giovani per ladri e li uccide: tragedia nella notte

g20 roma draghi

G20 Roma, battesimo del fuoco per Draghi. Parsi: «Dietro la retorica, la realpolitik»