in

Tinto Brass si racconta dopo la malattia: «La vecchiaia? Non mi spaventa»

Tinto Brass, all’anagrafe Giovanni Brass, è nato a Milano nel 1933 ed è un noto regista del cinema erotico italiano. Tra i suoi numerosi film si ricordano: La chiave (1983), Miranda (1985), Capriccio (1987) e Così fan tutte (1992). Il regista, in piena pandemia, ha avuto dei seri problemi di salute a causa di un’ischemia che lo ha costretto in ospedale con tutte le difficoltà del caso. In una lunga intervista ad Adnkronos, Tinto Brass ha deciso di raccontare la sua vita dopo la malattia. Dunque l’artista alla soglia dei suoi 88 anni ha deciso di aprire il suo cuore ai fan e di lasciarsi andare ad una lunga intervista tra presente e passato.

Leggi anche –> Tinto Brass toro scatenato: «Quell’attrice si lagnava perché nelle parti intime non aveva peli»

Tinto Brass malattia

Tinto Brass si racconta dopo la malattia

Il maestro del cinema erotico, Tinto Brass, si è appena ripreso da un’ischemia e ha deciso di parlare della sua malattia durante una lunga intervista ai microfoni di Adnkronos: «Ho passato cinque giorni in pronto soccorso. Non mi rendevo conto di dove fossi, mi chiedevo dove fosse Caterina, perché non venisse e mi sentivo disperato. Poi ho capito che nessuno poteva entrare a causa del Covid, mi sono adeguato a quelle regole balorde. Ma sapevo che lei c’era sempre ad aspettarmi». Poi ha aggiunto: «Dopo un’emorragia cerebrale, un ictus e due ischemie il mio pensiero è più chiaro. La libertà di un uomo si evince anche davanti alla malattia e quindi alla morte. In questo momento di emergenza, se un medico mi chiedesse di scegliere tra la mia vita e quella di un giovane non esiterei. Ho dato al mondo tutto quello che avevo da dare. Ora ogni mia speranza per un mondo migliore risiede nei giovani»

Il regista non ha più paura

Sempre durante l’intervista ad Adnkronos, Tinto Brass ha dichiarato di non aver paura della vecchiaia: «Non mi spaventa affatto. Ho fatto quello che potevo fare e non ho rimpianti su nulla. Vivo la mia vita serenamente e sono perdutamente, ‘grandemente’, innamorato di Caterina. Ciò non significa che abbia perso la gioia di vivere, sono felice di ogni momento». Poi ha deciso di dare anche un piccolo consiglio ai giovani: «Trasgredite e fregatevene delle regole.. con o senza mascherina, fate se**o, fatelo comunque e spesso». >> Altri Gossip

Seguici sul nostro canale Telegram

Giorgia Meloni Fiorello

Giorgia Meloni, l’aneddoto su Fiorello: «Facevo la baby sitter a casa sua»

Perché Cristiano Ronaldo non parla italiano