in

Ultimi sondaggi politici, come cambierebbe lo scenario se ci fosse una “Lista Conte”

Chi soffrirebbe di più se il presidente del Consiglio Giuseppe Conte decidesse di sciogliersi e correre in modo solitario? Probabilmente, il Partito Democratico. A sostenere questa tesi sono gli ultimi sondaggi politici realizzati da Quorum per l’Agenzia di stampa Agi. Agli intervistati, infatti, è stata domandata la propria intenzione di voto tenendo conto, però, dell’ipotesi di una “Lista Conte”. Analizzando i numeri, la Lega non patirebbe particolarmente, mentre il centro sinistra, soprattutto il PD, subirebbe una vera e propria emorragia di preferenze.

>>Leggi anche: La ministra Lucia Azzolina ha querelato Matteo Salvini: “Troppi post sessisti”

ultimi sondaggi politici

Ultimi sondaggi politici, le percentuali

Ecco le percentuali che i partiti raccoglierebbero se, nel quadro politico, si inserisse anche una lista personale di Conte:

  • Lega: 25,2%
  • Fratelli d’Italia: 16,4%
  • Partito Democratico: 15,6%
  • Movimento 5 Stelle: 12,3%
  • Lista Conte: 11,5%
  • Forza Italia: 5,3%
  • Azione: 3,5%
  • +Europa: 1,6%
  • Italia Viva: 1,5%
  • Cambiamo: 0,3
  • Astenuti + indecisi: 42,3%

E’ chiaro quindi che quella che subirebbe meno la creazione di una lista del Presidente Conte è la Lega. Più in generale, però, si può dire il centrodestra. Il Carroccio infatti confermerebbe comunque il trend sui cui ormai è posizionato da tempo, intorno al 25% delle preferenze. Lo stesso vale per Fratelli D’Italia di Giorgia Meloni che, anzi, forse riuscirebbe a guadagnare qualcosa. Secondo la rilevazione, infatti, in quel caso raggiungerebbe il 16,4% dei consensi. Non si può dire lo stesso invece del Partito Democratico, che al contrario perderebbe oltre il 6% degli elettori e si fermerebbe a un basso 15,6%. Idem il Movimento 5 Stelle: sebbene lascerebbe indietro meno voti, comunque si bloccherebbe a una cifra insoddisfacente: 12,3%.

L’ipotetica lista Conte, novità assoluta, raccoglierebbe invece intorno all’11,5%: un vero e proprio successo per una neonata. Forza Italia invece calerebbe leggermente e si fermerebbe al 5,3% delle intenzioni. Tra i partiti più piccoli, poi, Azione è l’unico che, con il 3,5%, riuscirebbe a sorpassare la soglia di sbarramento. Per tutti gli altri non ci sarebbe possibilità: +Europa si fermerebbe all’1,6%, Italia Viva all’1,5%, Cambiamo allo 0,3%. Ampia, come sempre, la platea di coloro che si astengono o si definiscono indecisi: 42,3%.

Scenario politico

Ultimamente tra i corridoi dei Palazzoni romani si parla di due possibilità: un’ingresso diretto di Nicola Zingaretti nelle vesti di vicepremier e una lista personale di Giuseppe Conte. Al momento, tuttavia, non c’è conferma né di uno né dell’altro. Anzi: Nicola Zingaretti ha in più occasioni smentito totalmente l’ipotesi, affermando di preferire senza ombra di dubbio di mantenere il suo ruolo di governatore del Lazio e segretario del Partito Democratico. Una mossa che si può definire abbastanza furba, visto gli equilibri precari del governo e della maggioranza.

Lo stesso vale per Giuseppe Conte: è impossibile credere che non stia valutando l’idea di creare una sua lista. Lui, però, a riguardo non lascia trasparire nulla. Si fa vedere sempre concentrato, e afferma di non avere alcuna intenzione di modificare gli assetti. Chissà, magari una volta finita l’emergenza sanitaria cambierà idea. Ora, sicuramente, non sarebbe il momento giusto. >>Tutti gli ultimi sondaggi elettorali

Seguici sul nostro canale Telegram

Doodle Google Anton Wilhelm Amo, chi era il celebre filosofo ghanese

miriam leone miss italia

Miriam Leone Miss Italia impareggiabile, soave sul letto: il trucchetto manda fuori di testa