in

Vendere su Amazon: qualche consiglio per migliorare il proprio business

Vendere su Amazon offre l’opportunità di aprire virtualmente le porte del proprio negozio a un pubblico molto ampio, composto potenzialmente da milioni di clienti. Come tutti sanno, il negozio creato da Jeff Bezos è il principale marketplace a livello globale; basti pensare che sono più di 100 milioni gli utenti iscritti ad Amazon Prime, il servizio di consegna gratuito a domicilio. Ecco perché vale la pena di capire come vendere su Amazon in modo efficace, cercando di incrementare il proprio business. Vale la pena di sapere che sono tre le tipologie di venditori che si possono trovare su Amazon: i brand, i rivenditori tradizionali e i rivenditori brand.

In sostanza, i possessori di un marchio hanno la possibilità di registrarlo su Amazon; in questo modo beneficiano di parecchi vantaggi, come per esempio la creazione di pagine contenuto Amazon Store. I rivenditori tradizionali, invece, sono quelli che vendono articoli già presenti sul marketplace e che vengono proposti dai brand o dai rivenditori brand. Questi ultimi, infine, sono rivenditori che mettono a disposizione prodotti di marchi che non si trovano su Amazon.

La scelta della strategia

La scelta della strategia da applicare varia in base alla tipologia di venditore di cui si fa parte. In ogni caso il primo passo che si deve compiere è quello di migliorare il proprio livello di affidabilità. Questo vuol dire, fra l’altro, curare la propria reputazione e la propria immagine. In che modo? È chiaro che su Amazon si può avvertire una sensazione di distacco perché non si possono implementare servizi di chat e non è possibile definire il design come, invece, potrebbe avvenire su un ecommerce che si gestisce di persona. A parte i marchi registrati, infatti, tutti gli altri venditori possono usare Amazon solo come una piattaforma in cui mettere a disposizione un’offerta per articoli specifici. Come si possono influenzare le decisioni di acquisto dei clienti? Gli strumenti su cui puntare sono principalmente tre: la convenienza dei prezzi, la bontà delle recensioni e l’affidabilità della logistica. Inoltre consigliamo di seguire anche una guida Amazon dove poter approfondire.

Amazon FBA

Un servizio investigativo che è stato introdotto da poco è quello che viene proposto da Amazon FBA, acronimo che sta per Fulfilled by Amazon, cioè Eseguito da Amazon. Stiamo parlando del servizio di logistica che viene messo a disposizione da Amazon, grazie a cui vendere risulta molto più semplice. Con questo strumento, è possibile (e facile) migliorare i servizi che vengono garantiti alla clientela. In sostanza, si possono inviare i propri articoli al magazzino di Amazon, che poi si occupa dello stoccaggio della merce (che si tratti di un inventario intero o di una singola unità). La logistica di Amazon contribuisce ad aumentare la competitività e la visibilità delle offerte dei rivenditori. Il marketplace preleva i prodotti, li imballa e li spedisce ai clienti, non solo in Italia ma anche nel resto d’Europa. E non è tutto, perché Amazon gestisce anche il servizio clienti in italiano ed è responsabile della gestione dei resi.

Quanto costa Amazon FBA

Come si vede, dunque, il servizio in questione si prende carico sia della logistica che di altri aspetti decisivi, come il servizio clienti e la spedizione. Per quel che riguarda i costi, essi sono variabili in base alle caratteristiche del prodotto (peso e dimensioni). Sono due le tariffe che vengono imposte per ciascun articolo: la tariffa di stoccaggio e la tariffa di gestione. La prima corrisponde al costo mensile relativo all’affitto dello spazio che viene occupato nel magazzino, ed è calcolato in funzione del periodo dell’anno e dei metri cubi che vengono occupati; la seconda, invece, è una tariffa fissa per unità, che cambia in base al tipo, al peso e alle dimensioni del prodotto.

Che cosa fare per riuscire a vendere di più

Approfittare della logistica FBA è senza dubbio un buon modo per aumentare le vendite, considerati i tanti vantaggi che scaturiscono dalla fruizione di questo servizio. Per esempio la qualità del servizio clienti, in virtù di un customer service che è a disposizione 24 ore su 24. Inoltre, tutti gli articoli che vengono spediti attraverso Amazon FBA usufruiscono del logo Prime, che garantisce alla merce una maggiore visibilità e, in più, permette di usufruire di una spedizione rapida e gratuita. Di certo, la logistica è il principale punto di forza di questa soluzione: Amazon è una garanzia in tal senso, visto che assicura una gestione ottimale di tutti gli ordini. Ma non è tutto, perché il servizio gestisce anche le fasi dei resi. In più, con Amazon FBA crescono le possibilità di avere la Buy Box. Un consiglio da tenere a mente è quello di cercare di avere in magazzino un numero di articoli sempre adeguato, per non correre il rischio di andare out of stock se i prodotti sono pochi o, al contrario, di sovraffollare il magazzino.

Seguici sul nostro canale Telegram

Come gestire la campagna di Digital PR?

Energia, la presidente Ue von der Leyen: “Putin manipola mercato, ma noi prevarremo”