in

Volgograd, esplosione deposito di benzina: diversi feriti, le immagini dalla Russia

Martedì 11 agosto 2020 – Breaking News. Enorme esplosione a Volgograd, nella Russia meridionale. Secondo i media locali ci sarebbero diversi feriti e gravi danni in tutta la zona circostante. L’enorme colonna di fumo nero ha invaso i cieli della cittadina russa, spaventando tutti. La violenta deflagrazione avrebbe avuto origine in un deposito di benzina. Le drammatiche immagini ricordano la tragedia di pochi giorni fa avvenuta a Beirut, in Libano.  

leggi anche l’articolo —> Esplosione Beirut, inferno in Libano con oltre 100 morti e più di 4mila feriti: le immagini terribili

volgograd esplosione

Volgograd, esplosione deposito di benzina: diversi feriti, le drammatiche immagini dalla Russia

Prima un incendio, poi l’esplosione. Brutto risveglio stamani, 11 agosto 2020, a Volgograd, nella Russia Meridionale. Dalle prime indiscrezioni, che arrivano dalla città situata a ridosso del Caucaso, si tratterebbe di un deposito di benzina che, dopo un primo rogo, sarebbe stato avvolto dalle fiamme. In seguito l’esplosione che ha sprigionato un’enorme fiammata, che ha terrorizzato tutti i residenti nella zona. Al momento non si conosce il numero esatto delle persone rimaste ferite e di eventuali vittime: i media russi parlano per ora di “diversi feriti e ingenti danni materiali”. L’esplosione avrebbe determinato anche una colonna di fumo nero, che ha invaso i cieli di Volgograd, nota ai più anche con il nome di Stalingrado, poi mutato nel 1961 con quello attuale.

Dovrebbero essere almeno 4 le persone rimaste coinvolte

Stando alle prime indiscrezioni, coinvolte nell’esplosione ci sarebbero almeno quattro persone, ma il numero dei feriti non è ufficiale, bisognerà attendere le prossime ore. Avvolta nel mistero pure la causa della grave esplosione. Sul posto le forze dell’ordine russe, a cui spetterà il compito di avviare le indagini per accertare i motivi del rogo. Le terribili immagini che arrivano da Volgograd ricordano quelle, ancor più drammatiche, di Beirut, in Libano. In quel caso la violenta esplosione ha distrutto l’intero porto della città, causando centinaia di morti, migliaia di feriti e di sfollati. Un duro colpo per le famiglie, già piegate dalla crisi economica e dal Coronavirus. Leggi anche l’articolo —> Esplosione Beirut, preoccupazione per i bambini: «Quello che è successo supera ogni immaginazione»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Robin Williams documentario

Robin Williams, a sei anni dalla morte “Robin’s Wish” racconta i suoi ultimi giorni

Azzolina

Azzolina, scuola a settembre: «Lezioni nei b&b? Non vedo lo scandalo»