in

Zaini personalizzati per le aziende, tutti i motivi per sceglierli

Il settore degli zaini non potrà mai vivere una situazione di crisi: questi accessori sono destinati a essere utilizzati sempre e ovunque, grazie ai molteplici vantaggi che li caratterizzano. Al di là dell’aspetto estetico, infatti, essi risultano facili da trasportare e fanno della versatilità il proprio tratto distintivo, visto che si prestano a essere utilizzati in vari modi. Si pensi, per esempio, a quando si organizza una gita o un’escursione: qualunque sia la durata e qualunque sia la destinazione, uno zaino è un alleato di cui proprio non si può fare a meno.

I vantaggi di uno zaino

Ma questo accessorio si può dimostrare, per esempio, un ripostiglio portatile decisamente comodo in cui mettere tutto ciò di cui si potrebbe aver bisogno in una situazione di crisi o in un momento di emergenza. E come dimenticare l’utilità degli zaini quando si ha la necessità di trasportare del materiale da lavoro o degli strumenti personali? Insomma, nel caso in cui un’azienda decida di regalare uno zaino, per esempio per scopi promozionali o nell’ambito di una campagna di marketing, si ha la certezza di proporre un gadget che può essere impiegato in una grande varietà di occasioni.

Zaini personalizzabili: perché non si può farne a meno

Le imprese, dunque, non dovrebbero sottovalutare l’idea di ricorrere a uno zaino personalizzabile ogni volta che sono alla ricerca di un prodotto promozionale che possa garantire risultati apprezzabili e si possa rivelare efficace. Ovviamente, è importante pianificare ogni dettaglio con la massima attenzione, per evitare che una buona idea si trasformi in un boomerang con esiti negativi per la reputazione del marchio. Il primo consiglio da tenere a mente è quello di non proporre zaini che abbiano un ingombro eccessivo e che siano troppo voluminosi: se non in casi straordinari, infatti, uno zaino molto grande è più un fastidio che un vantaggio, anche perché diventa complicato da maneggiare e da portare in giro.

Come scegliere uno zaino promozionale

Pertanto, il primo accorgimento da tenere a mente è quello di scegliere uno zaino che non vada oltre i 40 o al massimo i 50 litri di capienza; in caso contrario è forte il rischio che l’omaggio non venga apprezzato. Ovviamente non si deve esagerare nel senso opposto: uno zaino di dimensioni ridotte, infatti, ha la tendenza a sformarsi nel momento in cui viene riempito al massimo o addirittura oltre la sua capacità. Così, c’è il pericolo che lo zaino finisca per rompersi, anche se ciò avviene a causa di un uso non adeguato, e questo potrebbe riflettersi in negativo sulla reputazione del brand che lo ha distribuito. Insomma, come ci si può affidare di un’azienda i cui gadget promozionali si usurano in men che non si dica?

I consigli per uno zaino perfetto

È utile tener presente che lo zaino è un accessorio ideale per fini promozionali non solo per gli adulti, ma anche per i ragazzi e per i bambini: un’idea da prendere in considerazione, per esempio, in vista di un evento che vedrà la partecipazione dei più piccoli. Insomma, trovare il formato migliore per lo zaino è il primo passo da compiere, ma non è certo la sola precauzione da mettere in atto: una particolare attenzione, infatti, deve essere riservata allo scopo per il quale lo zaino è progettato. I modelli a disposizione in commercio, d’altro canto, non sono tutti uguali tra loro, ma spesso sono concepiti per specifiche circostanze o per un target di destinatari ben preciso.

Gli zaini da lavoro

Un valido esempio da questo punto di vista può essere identificato negli zaini da lavoro, che sono pensati e realizzati per andare incontro alle esigenze degli impiegati. Proprio per questo motivo si tratta di accessori dal formato non troppo voluminoso, che a dispetto delle dimensioni ridotte sono in grado di assicurare una notevole funzionalità. Nella maggior parte dei casi essi presentano diversi comparti, ben distinti gli uni dagli altri, in modo da consentire la corretta conservazione di computer, smartphone e ogni altro dispositivo che possa risultare utile per il lavoro. Gli zaini da lavoro sono il gadget ideale quando si ha intenzione di promuoversi e farsi conoscere in occasione di dibattiti, di conferenze e di convegni.

Gli zaini da viaggio

Decisamente diversi, invece, sono gli zaini da viaggio, che in virtù della destinazione d’uso a cui sono adibiti non possono che avere dimensioni più grandi: si parla, infatti, di una capacità che nella maggior parte dei casi è compresa tra i 30 e i 40 litri. Ciò che rende da viaggio uno zaino, però, non è solo il formato, ma anche l’insieme dei materiali di composizione, che sono scelti per fare in modo che questo prodotto possa resistere senza problemi agli urti e, soprattutto, alla pioggia e alle intemperie. Zaini di questo genere riscuotono un notevole apprezzamento in modo particolare tra gli amanti del trekking, anche perché sono muniti di spazi dedicati per i moschettoni, le corte e le borracce.

Gli zaini a sacca

Si va diffondendo sempre di più il fenomeno del backpacking, che prevede di mettersi in viaggio zaino in spalla. In questo caso si può ricorrere a uno zaino da viaggio o, in alternativa, a uno zaino a sacca munito di lacci. La compattezza viene un po’ sacrificata sull’altare della praticità, ma anche lo zaino a sacca è perfetto come gadget promozionale, che può essere regalato – per esempio – in occasione di un convegno o di un evento a tema sportivo.

Gli zaini personalizzati di Gadget365

Gli zainetti personalizzati fanno parte delle proposte che Gadget365 mette a disposizione dei propri clienti. Gli esperti di questa azienda sono sempre pronti a offrire il proprio supporto per migliorare la comunicazione delle imprese e delle associazioni, suggerendo gli articoli più adatti da utilizzare per le campagne di marketing. Gadget365 è un’azienda italiana che ha sede in provincia di Varese, ma che sceglie i propri partner e fornitori anche all’estero, in modo da garantire prezzi bassi senza rinunciare alla qualità di prodotti che vengono sempre sottoposti a rigorosi controlli.

Massimo Boldi ritorno di fiamma con la fidanzata Irene Fornaciari: «Vorrei che venisse a vivere con me»

Scandalo al PoliMi per la frase di una docente: «Non sono il vostro schiavo negro»