in

2 giugno, infermiera in prima linea contro il Covid: «L’abbiamo retta noi la Repubblica»

«L’abbiamo retta noi la Repubblica», mette da parte la modestia la dottoressa Luisa Venneri, coordinatore infermieristico dell’Emergenza Urgenza degli ospedali San Paolo e Carlo di Milano, che in occasione del 2 giugno ha rilasciato un’intervista a ‘La Repubblica’.  «Mi piacerebbe che nelle celebrazioni di oggi le istituzioni ricordassero tutti noi operatori sanitari. Perché è vero che abbiamo fatto il nostro mestiere, che lo abbiamo scelto, che non siamo missionari né eroi. Come è vero che nessuno di noi si è tirato indietro, o ha fatto obiezioni di qualsiasi tipo. Ecco, sarebbe bene che tutti si ricordassero dei nostri sacrifici. Delle conseguenze che stiamo pagando. Della sofferenza che abbiamo dovuto reggere. È qualcosa che ci porteremo dietro per tutta la vita», prosegue.

leggi anche l’articolo —> Coronavirus, addio alla bambina che cuciva a mano le mascherine per gli infermieri

2 giugno infermiera

2 giugno, infermiera in prima linea contro il Covid: «L’abbiamo retta noi la Repubblica»

Le immagini delle terapie intensive al collasso, dei segni delle mascherine sui volti del personale sanitario, degli applausi scroscianti davanti agli ospedali sono un ricordo vivo nella mente di ognuno. Istantanee di un’emergenza, senza precedenti, che ricorderemo, che è già storia. «Tanti colleghi sono in malattia per burn out, solo che il sistema non la riconosce come malattia. I reparti di Psicologia e Psichiatria hanno dato una grande mano a infermiere e infermieri, ma in tanti hanno dovuto assumersi il ruolo che di solito spetta ai parenti, fare da tramite con il loro dolore, e alla fine non hanno retto», ha dichiarato la dottoressa Luisa Venneri, che ha parlato poi di problemi quotidiani di non poco conto come le ferie. «Abbiamo il problema delle vacanze estive. Ricorderà le direttive di marzo, la sospensione delle ferie, e qui nessuno prende un giorno da quattro mesi, ma ora ci sarebbero da pianificare i turni, come succedeva negli anni scorsi a inizio giugno. Solo che nessuno ha ancora sospeso quel divieto. Se lo saranno dimenticato?», ha dichiarato.

2 giugno infermiera

«Lo Stato dimentica in fretta. Qualche mio collega comincia a non trattenere la delusione: gli eroi, i balconi, le bandiere, è già finito tutto»

Sono stanchi, esasperati gli operatori sanitari. Le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e gli elogi del premier Conte nelle fasi più dure del Coronavirus non possono bastare: «Lo Stato dimentica in fretta», ha detto la dottoressa sospirando. «Voglio sperare che finalmente si punti a un rilancio della sanità pubblica. Norme, numeri, ruoli. Fondi. Abbiamo il rapporto medici-pazienti più basso d’Europa, siamo in fondo alle classifiche per numero di letti. Se vogliamo far parte dell’Unione, facciamolo a 360 gradi, invece siamo sempre troppo pochi e tirati al massimo. Il colmo è che, quando qualcuno di altolocato si presenta nei nostri reparti, pretende l’eccellenza», ha affermato la dott.ssa Luisa Venneri. Sul finale un’amara considerazione sull’Italia di oggi: «Gli irrispettosi, quelli che arrivano in Pronto Soccorso e pretendono, e insultano. Siamo stanchi e fatichiamo adesso a tollerarli. (…) Qualche mio collega comincia a non trattenere la delusione: gli eroi, i balconi, le bandiere, è già finito tutto. Ma solidarietà ne riceviamo ancora. E, sì, speriamo in una Repubblica migliore». E pensare che tanti ritenevano che dal Coronavirus saremmo usciti migliori di prima, più buoni tutti. leggi anche l’articolo —> Coronavirus, i numeri di oggi: solo 178 casi in più, mai così pochi da inizio emergenza

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

2 giugno Festa della Repubblica, Mattarella: «C’è qualcosa che viene prima della politica: l’unità morale»

Strage di Erba, Olindo Romano a breve dirà la verità: attesa sua dichiarazione