in

Bollette luce e gas in aumento: quanto pagheremo nel 2021? Come funzioneranno i bonus sociali

Rincari in arrivo nel 2021: il primo trimestre dell’anno che sta per cominciare vedrà un aumento della spesa nelle bollette di luce e gas. Un rimbalzo avviato già negli ultimi tre mesi del 2020 che si completerà con l’inizio del nuovo anno. La causa? Le alte quotazioni delle materie prime all’ingrosso e, per il gas, la consueta stagionalità con la crescita invernale della domanda. A riferirlo l’Arera, l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente.

Leggi anche >> Bollette luce e gas aumento dal 1° ottobre, Codacons: «Batosta per i consumatori»

Aumento bollette 2021 luce e gas

Aumento bollette 2021, luce e gas al rialzo: a quanto ammonta la spesa della famiglia tipo

Gli incrementi, equivalenti al 4,5% per l’elettricità e al 5,3% per il gas, non avranno però effetti influenti sui consumatori: la famiglia tipo beneficerà, comunque, di un risparmio complessivo di circa 146 euro/anno. In particolare, per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno compreso tra il 1° aprile 2020 e il 31 marzo 2021 sarà di circa 488 euro, con una variazione del -10,2% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° aprile 2019-31 marzo 2020), corrispondente ad un risparmio di circa 55 euro/anno.

Per il gas, invece, la spesa della famiglia tipo – nello stesso periodo – sarà di circa 950 euro, con una variazione del -8,8% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un risparmio di circa 91 euro/anno. “La variazione di questo trimestre – ha spiegato il presidente di Arera, Stefano Besseghini – ci restituisce una dinamica sostanzialmente in linea con gli andamenti stagionali e con valori delle materie prime non dissimili da quelli dello scorso anno”.

Aumento bollette 2021 luce e gas

Come funziona il bonus sociale

L’aumento delle bollette nel 2021 sarà inoltre accompagnato da un’importante novità: il riconoscimento automatico e graduale dei bonus sociali di sconto sulla bolletta. Le famiglie in stato di bisogno, dal 1° gennaio 2021, non dovranno più presentare domanda per l’agevolazione presso Caf o comuni. Le informazioni saranno incrociate direttamente dai soggetti che gestiscono i dati sulle utenze e l’Isee (Acquirente Unico e Inps) in modo che il bonus venga assegnato automaticamente in bolletta. Lo sconto sarà calcolato dal 1° gennaio 2021, indipendentemente dai tempi tecnici necessari per l’entrata a regime del meccanismo attuativo. >> Bonus figli 2021, chi potrà usufruire dell’assegno unico? Ecco tutte le informazioni

Agitu Ideo Gudeta

Agitu Ideo Gudeta, chi era la pastora simbolo di integrazione fuggita in Trentino dall’Etiopia

Un deputato Usa appena eletto è morto per Covid: aveva 41 anni