in

Autostrade, Cancelleri (Viceministro ai Trasporti): «Se Atlantia non rispetta accordi entro il 30 settembre, sarà revoca»

Atlantia, il governo e la revoca della concessione ad Autostrade che è sempre sullo sfondo. «Se Atlantia non rispetta la manleva entro il 30 settembre, procederemo alla revoca. Le responsabilità non si possono vendere. Spero abbiano un sussulto di dignità. In questa vicenda le provocazioni mi pare siano all’ordine del giorno». Cosi questa mattina il Viceministro delle infrastrutture e dei trasporti Giancarlo Cancelleri (M5S) ai microfoni di Radio Cusano Campus.

>> Lo Stato si prende Autostrade: i Benetton fuori dal Cda dell’azienda

atlantia revoca concessione

Atlantia, Cancelleri sulla lettera del governo

In merito alla lettera del governo ad Atlantia Cancelleri ha ribadito la posizione del governo, a suo dire molto chiara, e invitato ancora una volta Atlantia ad un’altrettanto chiara risposta. «Nella lettera – ha detto il Viceministro ai trasporti – il governo chiede di rispettare una parte dell’accordo, che è la manleva, cioè che le responsabilità civili, amministrative e penali che Aspi ha per il crollo del ponte e che la magistratura sta accertando, non possono passare insieme alle quote azionarie al nuovo socio Cdp»

«Quindi Atlantia – ha proseguito Cancelleri ai microfoni della radio romana – deve mantenere queste responsabilità per sé, ma non vuole farlo. Per cui c’è questo braccio di ferro che se non si risolverà entro il 30 settembre, procederemo con la revoca. E’ passato troppo tempo. Lo dobbiamo al popolo. Spero che entro il 30 ci sia un sussulto di libertà da parte di Atlantia, le responsabilità non si possono vendere. In questa vicenda le provocazioni mi pare siano all’ordine del giorno, il metodo di Atlantia è sempre stato quasi ricattatorio».

atlantia cancelleri

Cancelleri su Atlantia: «Speravano nella caduta del governo»

«Non mi sembrano atteggiamenti consoni ad un dialogo con le istituzioni da parte di un’azienda che ha in concessione dei beni che appartengono allo Stato – ha aggiunto il Viceministro in quota 5S – Secondo me questi signori si erano convinti che le elezioni sarebbero andate in un certo modo e che il governo era arrivato alle battute finali. In realtà il governo si è rinsaldato e ora si ritrovano con le spalle al muro. Se si perde troppo tempo procederemo alla revoca, la strada è tracciata. In quel caso si commissaria Aspi, il commissario governativo gestirà per un periodo di transizione la società. Nel giro di un anno, due anni al massimo dovremmo avere il nuovo concessionario».

Infine una battuta sul piano per le infrastrutture. «I fondi europei non vanno spesi come in passato, bisogna fare un grande piano di rilancio. Abbiamo un’opportunità unica, dobbiamo investirli bene. Stiamo parlando di più di 80 miliardi per le infrastrutture. Non facciamo cadere tutto in un dibattito Ponte sullo stresso sì o no, serve un grande piano infrastrutturale per il mezzogiorno». >> Tutte le notizie di politica italiana

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Antonella Clerici

Antonella Clerici “È sempre mezzogiorno”, inizio col botto: «Carlo, oddio, Carlo», caos in diretta

Elisabetta Canalis Instagram, pazzesca mentre fa colazione: «Che risveglio perfetto!»