in

Bonus benzina 2022 anche a tutti i dipendenti privati: la platea si allarga

Bonus benzina 2022 anche a tutti i dipendenti privati – Si amplia la platea dei beneficiari: pure i “datori di lavoro privati”, e non solo le “aziende private”, potranno erogare ai propri dipendenti buoni carburante fino ad un massimo di 200 euro. La misura interesserà anche chi lavora negli studi professionali. La precisazione è avvenuta attraverso un emendamento di Fratelli d’Italia approvato in Commissione al Senato. Vediamo insieme come funziona il provvedimento approvato dal governo con il decreto Ucraina bis per contrastare gli effetti dei rincari.

bonus benzina 2022

Bonus benzina 2022 anche a tutti i dipendenti privati

“Sono stati approvati in Commissione Finanze tre emendamenti di Fratelli d’Italia che riguardano l’attività dei professionisti, gli adempimenti fiscali da parte del contribuente e il bonus carburante ai dipendenti”, le parole del senatore di FdI Andrea de Bertoldi, segretario della commissione Finanze di Palazzo Madama. “Il terzo emendamento ha come scopo quello di chiarire i destinatari della norma sul bonus carburante ai dipendenti, specificando che tutti i datori di lavoro privati, e non solo le aziende private, possono assegnare con un atto di liberalità ai propri dipendenti l’incentivo”, ha aggiunto. Il bonus, “sotto forma di buoni benzina o analoghi titoli, per un ammontare massimo di 200 euro, non concorre alla formazione del reddito. Quindi anche gli studi dei professionisti potranno beneficiare di questa disposizione”, ha spiegato il senatore di Fratelli di Italia.

bonus benzina 2022

La platea si allarga, ecco come funziona

Per la misura all’inizio, come rivela «Sky TG24», erano stati stanziati all’inizio 9,9 milioni di euro, ma nel computo del budget erano state previste solo le imprese private. Con l’allargamento anche agli studi professionali aumenta non solo la platea di beneficiari, ma anche i costi per la misura. Non bisogna presentare alcuna domanda: la concessione dei buoni avverrà su base volontaria. Toccherà  al datore di lavoro valutare se erogarli e di che importo. Questi potrà arrivare a corrispondere anche un valore inferiore rispetto ai 200 euro. “Il bonus benzina è esente dalle imposte sui redditi da lavoro dipendente ma, come specifica la relazione tecnica allegata al decreto, si affianca e non concorre alla formazione del tetto massimo previsto per i fringe benefits, la cui soglia è di 258,23 euro”, chiarisce sempre «Sky TG24». Leggi anche l’articolo —> Come funziona il bonus 200 euro per chi percepisce il reddito di cittadinanza e per i disoccupati

bonus benzina 2022

 

Seguici sul nostro canale Telegram

L’assessora Donazzan sul caso Alpini: “Se uno mi fischia dietro io sono contenta”

bonus bollette

Decreto Taglia prezzi, dalle bollette alla benzina: ecco tutte le misure