in

Buon compleanno Michael Schumacher: oggi il campione da 7 mondiali di F1 compie 52 anni

Buon Compleanno Michael Schumacher oggi il campione compie 52 anni. Dopo l’incidente del 2013 ancora si parla di lui,  è come qualcuno che non vogliamo dimenticare. Le sue vittorie sono impresse nella storia e così il suo volto. Ripercorriamo alcuni punti della sua carriera e facciamo qualche riflessione sul mito del pilota tedesco.

>> Come sta Schumacher? Parla il suo amico Luca Badoer: «Michael è un combattente»

Michael Schumacher

Buon compleanno Michael Schumacher

Buon Compleanno Michael Schumacher che oggi compie 52 anni. Un mistero, quello del pilota, che rimane irrisolto. Benché non si vedano fotografie di lui da ben sette anni tutti lodano ancora le sue vittorie e sperano sempre che Michael in qualche modo si possa riprendere. Forse una cosa che abbiamo imparato in questa pandemia è proprio aver sviluppato l’idea che per esserci non dobbiamo essere fisicamente presenti. Ecco questa potrebbe essere un aggiuntiva al fatto che cerchiamo continuamente il pilota tedesco. Come se non volessimo lasciarlo andare. Dopo tutto un pilota che ha vinto 7 titoli mondiali è difficile da dimenticare. L’attaccamento a Michael Schumacher si potrebbe definire una sottospecie di fenomeno. Proprio come con Panatta siamo diventati tutti tennisti, con Luna Rossa tutti velisti, con Valentino Rossi tutti motociclisti, Schumacher ci ha fatto appassionare alla Formula 1.

Michael Schumacher

Binomio Schumacher – Ferrari

Buon compleanno Michael Schumacher che oggi compie 52 anni e volgiamo approfondire il mistero del mito che si cela dietro questo grande campione. Innanzi tutto l’attaccamento al personaggio in se per se ma non c’è da dimenticarsi il binomio Schumacher – Ferrari. Tutto nasce il 15 febbraio del 1996 data nei cuori dei tifosi ferraristi, destinata a restare indelebile. Quel giorno a Maranello, Luca Cordero di Montezemolo presenta , al fianco di Gianni Agnelli, la composizione del team Ferrari per l’imminente stagione sportiva e prende posto l’attesissimo Micheal Schumacher. Le soddisfazioni arrivano subito infatti Micheal riesce a portare sul podio la Ferrari vincendo il primo mondiale nel 2000 dopo ben 21 anni di attesa. Dopo aver tanto patito, la Ferrari e Schumacher iniziano a scrivere pagine di storia della Formula Uno. Non si è mai vista, in Ferrari, una costanza di rendimento del genere. Forse è anche per questo che si continua a parlare di lui quotidianamente nonostante sia gravemente malato. Michael Schumacher campione è e campione rimarrà per sempre. >> tutti i Gossip di Urbanpost

greta thunberg

Buon Compleanno Greta Thunberg: la lotta per il clima nell’anno della pandemia

Vaccinazioni Covid Lombardia

Vaccinazioni Covid partenza rallentata in Lombardia, Gallera: «Ne faremo 10mila al giorno»