in

Caso Fedez-Rai, Anzaldi (IV): “La Rai gialloverde è la prima che ha avuto una multa dall’Agcom”

Caso Fedez-Rai, “Disdicevole la chiamata dei vertici Rai a Fedez. Ora si parla della Rai solo grazie a Fedez e perché il cda è scaduto, ma in questi anni sono state fatte cose inenarrabili e nessuno ne ha parlato. Noi oggi parliamo di censura e siamo tutti sconvolti, ma la censura è quotidiana. La Rai gialloverde è la prima che ha avuto una multa dall’Agcom”. A parlare ai microfoni di Radio Cusano Campus è Michele Anzaldi, deputato di Italia viva e componente della Commissione di vigilanza Rai.

Caso Fedez-Rai, Anzaldi (IV): “Quando il Cda aveva potere non si è mai parlato di Rai, nonostante siano state fatte cose inenarrabili”

Sul caso Fedez-Rai Anzaldi va giù pesante. “Qualche tempo fa la Rai veniva seguita da tutti i giornali, con giornalisti super specializzati, con pagine dedicate del Corriere”, dice a Radio Cusano Campus. “Adesso si parla di Rai solo grazie a Fedez e grazie al fatto che il cda è scaduto. Ma quando il cda aveva potere non si è mai parlato di Rai, nonostante siano state fatte cose inenarrabili in questi anni nessuno scrive più della Rai. Qui parliamo di un servizio pubblico pagato da tutti gli italiani”, protesta il deputato di Italia Viva.

“Adesso per capire come funziona una legge o un disegno di legge bisogna andare sulla tv commerciale perché l’informazione sta sulla tv commerciale. Noi oggi parliamo di censura e siamo tutti sconvolti, ma la censura è quotidiana. Se un artista viene invitato sul palco a parlare è antipatico e disdicevole che qualcuno lo chiami e gli dica che è meglio se non dici certe cose, soprattutto se si tratta di un artista”.

ARTICOLO | Rai, il presidente della Camera Fico: “Basta lottizzazioni, anche i 5 Stelle hanno sbagliato”

“La vera censura è il mancato rispetto del pluralismo nella Rai gialloverde”

Anzaldi poi viene al punto e afferma chiaramente quale sia a suo avviso la vera censura praticata dal servizio pubblico e accusa l’asse M5S-Lega. “Ma quello che è censura vera – incalza il deputato di Italia Viva – e lo dice l’Agcom, è che non viene rispettato il pluralismo. Questa Rai, la Rai dei 5 Stelle è la prima che ha avuto una multa dall’Agcom. E’ la Rai che a me ha negato l’accesso agli atti sull’elezione di Foa”.

“Quando è stata fatta questa Rai il Pd era all’opposizione, è la Rai gialloverde”, incalza Anzaldi. “Quando ero nel Pd ho fatto esposti per dire che era irregolare l’elezione di Foa e tuttora è negato l’accesso agli atti. Quando eravamo noi al potere alcune cose si sono fatte, come la riforma della Rai. La politica ha il dovere di verificare che i soldi degli italiani vengano spesi bene, non è un problema di lottizzazione, il problema è: chi va a ricoprire quel ruolo ha il curriculum per farlo?”

“La Rai del passato che era super lottizzata era super efficiente, è stata la Rai che ha fatto diventare grande l’Italia. Il problema è la scelta delle persone, che vengono scelte non per il curriculum ma perché sono ubbidienti. Draghi ha l’opportunità di scegliere persone efficienti e chiedere a tutti i partiti di esprimere consiglieri di amministrazione con grandi qualità per far sì che la Rai faccia un salto. Per adesso però mi sembra che non se ne parli”, conclude.

Fabio Rovazzi

Fabio Rovazzi carriera, vita privata e fidanzata: tutto sul cantante e youtuber italiano

Domenica In Eva Grimaldi

Domenica In, Eva Grimaldi racconta il suo amore per la compagna e si commuove: “Scusate, non ce la faccio”