in

Regeni, Noury (Amnesty): “Fingere non sia accaduto nulla epitaffio su tomba diritti civili”

Caso Regeni. Sull’uccisione del ricercatore friuliano Giulio Regeni ”fare finta che non sia successo nulla è l’epitaffio sulla tomba dell’Italia sul fronte dei diritti civili”. Lo ha detto Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, intervenendo ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

ARTICOLO | Caso Regeni: quattro agenti egiziani verso processo per sequestro, lesioni e omicidio

caso regeni

Caso Regeni, Noury (Amnesty): “I vari governi italiani se ne sono lavati le mani e hanno continuato a fare affari con l’Egitto”

”La Procura di Roma ha fatto il suo dovere, la procura egiziana per niente – ha affermato Noury -. I vari governi italiani se ne sono lavati le mani e hanno preferito continuare fare affari con l’Egitto. Ora avremo un processo con 4 imputati che però molto probabilmente saranno assenti. Gli affari economici, i dossier che vedono l’Italia di comune accordo con l’Egitto, vengono considerati priorità e anche la richiesta di ritirare l’ambasciatore è vista con terrore”.

”Quando ci sarà una sentenza che attesterà che Giulio Regeni è stato torturato e ucciso da funzionari del governo egiziano, l’Italia avrà una reputazione compromessa a livello internazionale perché continuerà a fare affari con quel Paese. Vorrei che ci fosse un sussulto di politica etica, lo si deve alla famiglia, alla giustizia e alla reputazione di questo Paese. Far finta che non sia successo nulla sarebbe l’epitaffio sulla tomba dell’Italia sul fronte dei diritti civili”, ha aggiunto Noury. >> Le notizie di attualità

Pupo

Chi è Pupo, vita privata e carriera: tutto sul noto cantante e opinionista TV

Proteste contro la polizia dopo l’uccisione di un 25enne: si dimette il ministro dell’Interno