in

Catanzaro donna uccisa a coltellate: il cadavere ritrovato tra gli scogli di Stalettì

Mercoledì 25 novembre 2020 – È stato trovato ieri sera a Stalettì (Cz) dai Carabinieri della Compagnia di Soverato il corpo di una donna tra gli scogli. Dall’esame esterno sembrerebbe che la vittima sia stata colpita da numerosi fendenti. È presumibile che il suo aggressore abbia utilizzato un coltello dalla lunga lama. I Carabinieri della stazione locale e del Comando Provinciale di Catanzaro hanno avviato le indagini, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Catanzaro. La donna, secondo quanto dichiarato dai familiari, era irreperibile da circa 24 ore.

leggi anche l’articolo —> Napoli, infermiere in pensione ritorna al lavoro e muore di Covid: «È caduto da eroe vero»

Catanzaro donna uccisa

Catanzaro donna uccisa a coltellate: il cadavere ritrovato tra gli scogli di Stalettì

Nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, “Il Quotidiano del Sud” dà la notizia della morte di una 51enne, che sarebbe stata uccisa con numerose coltellate a Stalettì, sulla costa ionica catanzarese. Il corpo è stato rinvenuto dalle forze dell’ordine nella tarda serata di ieri dai carabinieri della Compagnia di Soverato. Il cadavere era bene occultato tra gli scogli. Da un primo esame esterno è emerso che il corpo sarebbe stato raggiunto da diversi fendenti, utilizzando verosimilmente un coltello dalla lama lunga.

Catanzaro donna uccisa

La vittima risultava irreperibile da 24 ore

Sempre “Il Quotidiano del Sud” ha reso noto il nome della vittima. Si tratta di Loredana Scalise, di 52 anni, originaria di Girifalco e residente a Stalettì. Secondo la testimonianza dei familiari la donna era irreperibile da un giorno. In queste ore un uomo è stato sottoposto a fermo del pm perché ritenuto responsabile dell’omicidio. È un 36enne di Badolato che, secondo le indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Catanzaro e della Compagnia di Soverato, aveva una relazione extraconiugale con la vittima. Il movente del delitto potrebbe essere di natura passionale. Toccherà alle autorità competenti fare luce su quanto realmente accaduto. Leggi anche l’articolo —> Frosinone, tragico incidente sulla Casilina: muore bimba di 7 anni, grave la baby sitter

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Giovanni Ciacci contro Bianca Guaccero

Giovanni Ciacci contro Bianca Guaccero: «Non si è comportata bene con me»

violenza contro le donne

Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: lotta contro la “pandemia ombra”