in

Chi sono i deputati M5s che hanno votato contro la riforma del Mes

I deputati M5s che alla Camera hanno votato contro la risoluzione di maggioranza sulla riforma del Mes sono in tutto 13. Sei deputati – Andrea Colletti, Francesco Forciniti, Pino Cabras, Fabio Berardini, Mara Lapia e Alvise Maniero – sono intervenuti in Aula della Camera dichiarando pubblicamente il voto in dissenso dal gruppo. Sono risultati contrari anche i deputati pentastellati Emanuela Corda, Jessica Costanzo, Carlo Ugo De Girolamo, Giulio Dori, Francesco Sapia, Arianna Spessotto e Andrea Vallascas.

leggi anche l’articolo —> Il doppio gioco del PD sul Recovery Plan potrebbe costare il posto a Conte 

deputati m5s mes

Chi sono i deputati M5s che hanno votato contro la riforma del Mes

«Non si può dire votiamo sì perché poi voteremo no. Il vostro parlare sia sì sì, no no, il di più viene da Berlino», ha dichiarato il deputato M5S Cabras, parafrasando una frase del Vangelo. Dello stesso avviso Maniero, che in Aula ha spiegato: «Voterò contro questa risoluzione, che è sbagliata» perché «danneggia l’Italia e appesantirà quella spada di Damocle che i Paesi frugali continuano a far prendere sul nostro Paese». E ancora: «Io non indebolirò lei e non voterò mai contro il mio Paese», ha detto questi rivolgendosi a Conte.

«Il problema non è se chiederemo l’attivazione ma che autorizzando l’attivazione del Mes, la Bce si riterrà autorizzata all’inizio del 2022 a ridurre l’acquisto dei titoli di debito pubblico. E qualora dovesse succedere, con l’aumento dei tassi di interesse, un governo tecnico si troverà a supplicare la tutela del Mes. Con la sua firma lei rischierà infatti di non essere più alla guida del governo. Presidente, si ricordi, che i congiurati non sono quelli che pubblicamente pendono posizione. Ma storicamente i congiurati sono i commensali, quelli che siedono al tavolo. Per questo non posso dare voto favorevole alla risoluzione», l’intervento del deputato del M5S Andrea Colletti.

deputati 5 stelle mes

Riforma Mes, voti per parti separate forse anche al Senato

I 13 voti contrari dei deputati M5s hanno riguardato tre votazioni su quattro. La risoluzione di maggioranza è stata votata per parti separate: i ‘dissidenti’ M5s hanno votato contro nelle tre votazioni che riguardavano il Mes. Non è escluso che anche al Senato si voti per parte separate sulla risoluzione di maggioranza dopo le comunicazioni del premier Conte in vista del Consiglio Ue. Leggi anche l’articolo —> Il governo ha trovato l’intesa sul Mes, ma la maggioranza resta in bilico

 

Margherita Laterza

Chi è Margherita Laterza, vita privata e carriera: tutto sull’attrice italiana

Genitori vs influencer, al via le riprese del film con Fabio Volo e Giulia De Lellis