in

Chiara Ferragni agli Uffizi, paragone tra lei e la Venere di Botticelli: polemica sui social

Si è scatenata una vera e propria rissa virtuale attorno a Chiara Ferragni e la sua visita agli Uffizi di Firenze. L’influencer è stata ospite del Museo per un servizio fotografico e visto che c’era ha colto l’occasione per fare un mini tour accompagnata dal direttore Eike Schmidt. A scatenare la polemica è stata la foto pubblicata dagli Uffizi della Ferragni paragonata alla Venere di Botticelli. Il post del museo è stato preso d’assalto da commenti di dissenso e la polemica è arrivata fino a Twitter. La parola “Uffizi” è addirittura entrate nei trend topic della piattaforma. Una pubblicità diversa dal solito, ma pur sempre pubblicità.

leggi anche l’articolo —> Jane Alexander costume super hot, ‘esplosione di sensualità’: «Vorrei essere il tuo toy boy»

chiara ferragni uffizi

Chiara Ferragni e gli Uffizi polemica

E’ partito tutto da un post di Instagram in cui la Venere del Botticelli e Chiara Ferragni vengono accostate in una foto. L’occasione è stata la visita della stessa Ferragni agli Uffizi insieme al direttore Eike Schmidt, Cicerone d’eccezione. Il post pubblicato dal museo degli Uffizi è una lunga riflessione sui canoni estetici di ieri e oggi.

Chiara Ferragni incarna un mito per milioni di followers, una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social” – si legge nel post degli Uffizzi – “Il mito di Chiara Ferragni, diviso fra feroci detrattori e impavidi sostenitori, è un fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo“.

View this post on Instagram

Ieri ed oggi … I canoni estetici cambiano nel corso dei secoli. L’ideale femminile della donna con i capelli biondi e la pelle diafana è un tipico ideale in voga nel Rinascimento. Magistralmente espresso alla fine del '400 da #SandroBotticelli nella Nascita di #Venere attraverso il volto probabilmente identificato con quello della bellissima Simonetta Vespucci, sua contemporanea. Una nobildonna di origine genovese, amata da Giuliano de’Medici, fratello minore di Lorenzo il Magnifico e idolatrata da Sandro Botticelli, tanto da diventarne sua Musa ispiratrice. Ai giorni nostri l’italiana Chiara Ferragni, nata a Cremona, incarna un mito per milioni di followers -una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social – Il mito di Chiara Ferragni, diviso fra feroci detrattori e impavidi sostenitori, è un fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo. 🌍ENG: Beauty standards change in the course of time. The female ideal of a blonde- haired woman with diaphanous skin is a very common beauty model in the Renaissance. Masterfully expressed by the Florentine Sandro Botticelli in The birth of Venus maybe portraying the face of one of his contemporary, Simonetta Vespucci. A beautiful noble woman, of Genoese origin, beloved by Giuliano de’ Medici, the younger brother of Lorenzo the Magnificent ; she was so worshiped by Sandro Botticelli that she became his muse. Nowadays, Chiara Ferragni, born in Cremona, embodies a role model for millions of followers – a sort of contemporary divinity in the era of social media – The myth and the story of Chiara Ferragni, argued by harsh critics and supported by faithful fans, is a real sociological phenomenon that involves millions of supporter worldwide and it can undoubtedly be considered a snap-shot of our time.

A post shared by Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) on

I commenti sotto al post

Scelta volutamente azzardata. Nel giro di pochissimo tempo il post è stato preso d’assalto da detrattori e fan dell’influencer. Commenti di ogni genere hanno invaso Instagram e Twitter. La polemica ruota attorno al fatto che è considerato davvero fuori luogo paragonare un capolavoro del Botticelli con un’influencer. “Botticelli è resuscitato solo per suicidarsi” ironizza qualcuno, “Chiara Ferragni divinità contemporanea? Sul serio? Vi prego ditemi che è ironico” commenta un altro.

“Datevi una calmanta, ma perché tutto questo astio”, ribattono invece i sostenitori della Ferragni. C’è anche chi l’ha presa a ridere creando meme sugli Uffizi e la Ferragni. La stessa influencer ha ricondiviso molte di queste creazioni. Uno degli obbiettivi è stato comunque raggiunto: portare una volta di più gli Uffizi alla ribalta, un museo che ha avuto negli ultimi mesi una clamorosa svolta social. leggi anche l’articolo —> Nilufar Addati insuperabile, mano sulla coscia e sguardo ipnotico, selvaggia e leonessa: «Letale!»

annalisa

Annalisa selfie provocante e pieno di mistero, fan a bocca aperta: «Wow, pazzesca!»

Paola Perego

Paola Perego Instagram super abbronzata, prova costume da 10 e lode: «Sei sempre uguale, come fai?»