in

Cina, riabbraccia il figlio dopo 24 anni di estenuanti ricerche: il viaggio di Guo Gangtang

Un uomo dopo anni di interminabili ricerche ritrova il figlio: è accaduto in Cina. Il dramma di un padre che ha perso il figlio di soli due anni e ha passato 24 a cercarlo per riportarlo a casa. Guo Hangtang non ha mai mollato: è salito in sella alla sua moto e ha percorso centinaia di migliaia di chilometri, viaggiando in tutto il paese per trovare il suo amato figlio. E finalmente è riuscito nella sua impresa.

Cina ritrova il figlio

Cina ritrova il figlio dopo 24 anni: il viaggio di Guo Gangtang

Lo spiacevole evento risale al lontano 1997. Il figlio di Gangtang, Xinzhen è stato rapito mentre giocava davanti a casa sua nella provincia di Shandong. Da allora il padre non ha trovato pace. Ha viaggiato in lungo e in largo attraverso tutta la Cina, sperando di ritrovare il figlio scomparso. Gangtang ha cercato il figlio per 24 anni, percorrendo 500mila chilometri in moto. Il padre ha attraversato più di 20 province cinesi, cercando di verificare personalmente ogni segnalazione. Ha cambiato 10 moto e ha affrontato dei viaggi insidiosi. È stato assalito dai rapinatori e ha avuto diversi incidenti stradali. Ha anche speso tutti i suoi risparmi nelle ricerche, arrivando a vivere sotto i ponti e chiedere l’elemosina. Pur di trovare il figlio si era anche legato a striscioni con il suo volto alla motocicletta.

I media locali hanno riferito che il figlio Xinzhen era ancora nell’Henan quando il test del Dna ha rivelato il risultato tanto atteso dal padre. Guo e sua moglie hanno potuto riabbracciare il figlio e piangere di gioia quando si sono riuniti a Liaocheng, nello Shandong. Il network statale Cctv ha mostrato le immagini commoventi dei genitori, che piangevano di gioia per aver rivisto il figlio dopo 24 lunghi anni. “Bambino mio, sei tornato!”, ha detto la madre. “Ora che il bambino è stato ritrovato, tutto non potrà che essere felice”, ha commentato Guo.

ARTICOLO | Chi è Francesca Gengotti, la sopravvissuta alla “banda della uno bianca”: ha ancora sei proiettili nella testa

ARTICOLO | Eutanasia: Daniela voleva solamente “morire nel migliore dei modi”

Il rapimento dei minori in Cina

I colpevoli di questo dramma sarebbero un uomo e una donna, due trafficanti di esseri umani. Secondo quanto ha riferito il Global Times, i due sospettati del rapimento, un uomo di cognome Hu e una donna di cognome Tang, sono stati identificati e arrestati. La coppia aveva pianificato di rapire un bambino con l’intenzione di venderlo per denaro, ha precisato China News. Purtroppo la storia di Guo Gangtang non è un evento che raramente avviene in Cina. Ogni anno circa 20mila minori vengono rapiti e venduti sul mercato delle adozioni illegali sia all’interno del Paese sia all’estero.

La storia di Guo era diventata virale già qualche anno fa. Nel 2015 ha ispirato il film “Perdita e amore”, nel quale ha recitato la superstar di Hong Kong, Andy Lau. Il film voleva denunciare il grave problema dei rapimenti di bambini in Cina, con migliaia di vittime ogni anno. “Ammiro la sua perseveranza”, ha affermato Lau su Gangtang dopo la notizia del ritrovamento del figlio.>>Tutte le notizie

media sondaggi oggi termometro politico

Media sondaggi Termometro Politico, Fratelli d’Italia sempre più vicina alla Lega

Sofia Cheung morta

Muore mentre si scatta un selfie pericoloso: la modella aveva 32 anni