in

Cogoleto, Giorno della Memoria: saluto romano in consiglio comunale: “Votiamo così”

Cogoleto: voto con saluto romano. Gravissimi i fatti accaduti al Consiglio comunale di Cogoleto, in provincia di Genova, dove tre consiglieri hanno espresso il loro voto alzando il braccio teso, imitando il saluto fascista. Ancora più sconcertante il fatto che i tre consiglieri della minoranza siano stati fotografati nella posa il 27 gennaio, giornata dedicata alla Memoria delle vittime del nazismo e del fascismo. La maggioranza ha condannato i fatti. Anche il governatore Toti si è unito al coro degli indignati: “Non è tollerabile e va condannato”.

>> Giorgia Meloni e il ricordo della Shoah, “predicare bene e razzolare male”

Cogoleto saluto romano

Cogoleto saluto romano

“Mi preme condannare con forza tale gesto, appartenente alla simbologia fascista, che evoca valori politici di intolleranza, odio e discriminazione razziale. La nostra Cogoleto ha sempre difeso in maniera salda i valori antifascisti presenti nella Costituzione”, dice il sindaco Paolo Bruzzone. “Gesti come quelli di ieri, che mi auguro non si ripetano più in alcun modo, sono da stigmatizzare aspramente, ancor di più se commessi da rappresentanti delle istituzioni”. “Una cosa molto grave, una scena assolutamente vergognosa a opera di alcuni esponenti della minoranza”, fa eco Stefano Damonte, vicesindaco del paese di quasi 9mila abitanti in provincia di Genova. “Si tratta di gesti che devono essere sempre con forza condannati”.
L’invito a scusarsi da parte del presidente del consiglio comunale non è stato accolto. “Non devo giustificare nulla, questo è il mio modo di votare. Se andate a vedere tutti i consigli comunali precedenti, questo è il mio modo di votare, alzo la mano destra. Punto. Sono offeso da queste accuse infamanti”. Così ha risposto il consigliere Francesco Biamonti, accusando il Consiglio di avere fobie e di vedere fascismo ovunque. “E’ un modo di votare. Tu la puoi vedere in un modo, io la vedo in un altro”.

Il commento di Giovanni Toti

Anche il presidente della Regione Liguria ha immediatamente condannato le scene avvenute a Cogoleto. “Quello che è accaduto a Cogoleto non è tollerabile e va condannato, senza se e senza ma”, ha scritto Giovanni Toti. “I consiglieri che durante il Consiglio comunale hanno fatto il saluto romano oltre a commettere un reato, hanno offeso nel giorno della Memoria tutte le vittime della follia criminale nazifascista. Da Presidente di Regione ritengo che nessuno debba permettersi comportamenti simili, a maggior ragione i rappresentanti delle istituzioni, in nessuna giornata, non solo in quella della Memoria. Bene ha fatto il sindaco Paolo Bruzzone a condannare prontamente e condivido le sue parole dalla prima all’ultima”. >> Tutte le news

morta cloris leachman

Morta Cloris Leachman: da “Frankenstein Junior” a “Malcolm”, tutti i ruoli dell’attrice premio Oscar

vaccino covid Italia

Vaccino Covid, lo studio del “Bambin Gesù”: «Anticorpi al 99% dopo prima dose»