in

Come la fintech cambierà il commercio

La tecnologia basata sul web, da qualche decade, sta cambiando ogni aspetto della vita quotidiana. Sicuramente ha stravolto gli aspetti più intimi e personali, basta pensare ai social come Facebook o al mondo dell’intrattenimento, con 20Bet app o i servizi di tv on demand e così via. Anche il mondo del lavoro e del business ha subito cambiamenti impensabili e uno degli aspetti più sorprendenti di questa rivoluzione è sicuramente la fintech o tecnologia finanziaria che ha aperto una nuova era del commercio. Quali sono le novità più importanti di questo settore?

I vantaggi della fintech

La logica dietro alla fintech è quella di facilitare la vita agli acquirenti e rendere il momento del pagamento molto facile, quasi impercettibile, considerando anche il fatto che nei negozi online il momento del pagamento è lo step in cui c’è il maggior numero di carrelli abbandonati. Questi nuovi metodi di pagamento, che vengono chiamati PAGAMENTI INVISIBILI devono avere due caratteristiche fondamentali: devono essere veloci e devono fare in modo che siano necessari meno oggetti possibile, ad esempio pagare senza bisogno di avere contanti o addirittura il portafoglio. Le società di fintech, di fatto, stanno lavorando a un futuro in cui il pagamento non richiederà nessuna azione da parte dei clienti, futuro che, nel caso dei pagamenti biometrici, ad esempio, è già presente.

Per quanto riguarda i commercianti il loro vantaggio si concretizzerà con un aumento delle vendite grazie alla riduzione dei carrelli abbandonati, una grande automazione sia nella contabilità che negli inventari.

Ma vediamo con ordine quali sono i pagamenti invisibili “seamless payments” come dicono gli anglofoni.

Pagamenti invisibili più popolari

Esistono molti tipi di pagamenti invisibili, oltre alla nota firma elettronica attivata dalle impronte digitali. Per esempio:

  • Riconoscimento facciale. Alcuni gateway di pagamento offrono la possibilità di pagare tramite la scansione del viso, precedentemente associata a un conto bancario o una carta.
  • PCI UVR. È la risposta vocale interattiva, una sorta di call center automatico già in vigore presso alcune aziende, soprattutto quelle che si occupano di utenze domestiche.
  • Blockchain. Nasce con le criptovalute ed è volta a aumentare la sicurezza nei pagamenti, ad esempio bloccando le transizioni sospette. Questa tecnologia viene già usata in alcuni marketplace.
  • Firma elettronica tramite attivazione delle impronte digitali, già presente in molti smartphone.
  • Microchip. Si tratta di una tecnologia ancora in fase di studio che viene considerata la possibile forma di pagamento per lo shopping online del futuro.
  • Realtà virtuale. Con la nascita del Metaverso si stanno sperimentando dei modi per effettuare dei pagamenti invisibili nella realtà virtuale.

Seguici sul nostro canale Telegram

C’è un nuovo modo di vivere le città e il territorio

Autunno: cura della pelle e trend make-up