in

M5s, scontro tra Conte e Grillo: rinviato lo statuto

Beppe Grillo ha optato per il rinvio della presentazione dello Statuto e della Carta dei valori del nuovo M5s. Giuseppe Conte era pronto a presentare al movimento il suo progetto per la rinascita ma qualcosa è andato storto. C’era la data: il prossimo giovedì. Rinviata dal padre fondatore del movimento che a quanto pare non apprezza il lavoro dell’ex premier. In primis il ruolo che gli ha assegnato nelle nuove carte dei pentastellati: una figura poco più di rappresentanza. Aspetto che ha fatto andare il fondatore su tutte le furie. Ma sarebbero anche altri i motivi di frizione tra Conte e Grillo.

conte grillo

Giuseppe Conte e Beppe Grillo (da ilriformista.it)

Conte-Grillo M5s statuto rimandato: gli ostacoli dell’ex premier

Giuseppe Conte ha accettato con gioia il compito affidatogli da Grillo di rinnovare il M5s. Un compito veramente arduo per un partito in bilico. Prima c’è stata la rottura con Davide Casaleggio. Ora il fondatore del movimento ha deciso di mettere i bastoni tra le ruote all’ex premier che sta cercando in tutti modi di costruire un nuovo movimento. Il documento era atteso per questa settimana, si parlava di mercoledì o al massimo giovedì, eppure la data della presentazione continua ad essere rinviata. Complici alcuni attriti tra i due. Uno di questi è la figuraccia con l’ambasciatore cinese. Conte ha lasciato Grillo da solo in quell’occasione avvisando della sua assenza solo all’ultimo momento.

ARTICOLO | “Otto e mezzo”, Bersani e il paragone inevitabile con Draghi: «A Conte dicevano pagliaccio…»

ARTICOLO | Conte “rema” contro Draghi, retroscena post G7: la contromossa di stampo renziano

Giuseppe Conte

Conte Grillo rinviato lo statuto

Un’altra decisione di Conte che Grillo proprio non ha digerito è la sua estromissione dalle scelte politiche del Movimento. I due leader del movimento non si stanno venendo incontro insomma. Nessuna preoccupazione da parte di Roberto Fico che è apparso invece molto tranquillo sulla situazione attuale.  “Conte sarà il leader del M5S e Beppe resta il garante. Non mi sembrano affatto in contrapposizione. C’è una squadra che sta lavorando. E se c’è un po’ di discussione non può che fare bene. È normale che ci sia dibattito in una forza politica. Mi stupirei del contrario”. Un giudizio troppo ottimista, forse. A quanto pare la presentazione dello statuto sarebbe già stata rinviata alla prossima settimana. Prima dell’evento, Conte e Grillo dovranno comunque incontrarsi ancora una volta.>>Tutte le notizie

Elisabetta Gregoraci

Elisabetta Gregoraci “aggredita da un ladro in casa”: lo sfogo su Instagram

Covid bollettino 17 giugno 2021

Variante Delta, focolaio tra Piacenza e Cremona: isolati 24 contagiati