in

Coronavirus Italia, medico di Aosta: «Non so se riusciremo ad essere ancora i vostri eroi»

È tornato a colpire duro il Coronavirus in Italia. Nel corso della giornata di ieri si sono registrati ben 2.257 nuovi casi di Covid-19 con 60.241 tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore ci sono stati altri 16 decessi; le terapie intensive sono in aumento di 20 unità e ci sono stati 200 ricoverati in più. Dati allarmanti, trend negativi che hanno spinto Antonia Billeci, dottoressa lampedusana impegnata nel reparto di Medicina d’urgenza e Accettazione dell’Ospedale Regionale Umberto Parini di Aosta, a scrivere una commovente lettera sul suo profilo Facebook ora diventata virale.

leggi anche l’articolo —> Covid, bollettino di oggi: 2.257 nuovi casi, oltre 36mila morti da inizio emergenza

coronavirus italia

Coronavirus Italia, medico di Aosta: «Non so se riusciremo ad essere ancora i vostri eroi»

«Io non lo se riuscirò ancora una volta a lottare, a visitare, curare, consolare, consigliare quella folla di ammalati che ci ha travolti nei mesi scorsi. Ho una paura tremenda. Vedo il conteggio dei tamponi, ogni positività mi crea un po’ di angoscia, che cresce, che monta sempre di più. E nello stesso tempo monta la rabbia per la superficialità di molti, negazionisti o semplici intolleranti alla mascherina. Rabbia contro chi non ha capito ancora, nonostante l’insistente campagna, l’importanza del distanziamento sociale, dell’igiene delle mani», comincia così lo sfogo sui social della dottoressa siciliana Antonia Billeci. «Io non lo so se noi, Operatori Sanitari, riusciremo nuovamente ad essere i vostri eroi. Non lo so se avremo ancora la forza giusta per affrontare una nuova ondata da infezione da Coronavirus. Nella tempesta attraversata nell’ultima primavera, abbiamo dato tutto di noi», ha proseguito ancora il medico impegnato nella lotta al Coronavirus. Parole amare, strazianti.

Io non lo so se noi, Operatori Sanitari, riusciremo nuovamente ad essere i vostri eroi.
Non lo so se avremo ancora la…

Pubblicato da Antonia Billeci su Domenica 4 ottobre 2020

 

«Non lo so se avremo ancora la forza giusta per affrontare una nuova ondata da infezione da Coronavirus»

«Non lo so se ci troverete ancora qui. Medici sì. Infermieri sì. Angeli, eroi, sì. Fessi no!», conclude tristemente la dottoressa. A far da corredo alla lettera alcune immagini forti che ritraggono lei e i suoi colleghi stremati, esausti, alla fine di interminabili turni in reparto. Tanti like e centinaia di ricondivisioni: alcuni utenti in basso al post hanno ammesso di essersi commossi. Leggi anche l’articolo —> Nuovo Dpcm, Speranza al Parlamento: “Mascherine obbligatorie all’aperto, non ne siamo ancora fuori”

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

tina cipollari maria de filippi

Tina Cipollari e Maria De Filippi, il rapporto oltre le telecamere: «A volte mi blocca…»

Giuseppe Conte

Il Presidente Conte si racconta a Monica Maggioni e ammette i dubbi sul futuro