in

Coronavirus, misure sempre più rigide: mascherina obbligatoria all’esterno ed esercito in strada

La situazione coronavirus in Italia non è affatto rosea. I contagi si avvicinano intorno ai tremila al giorno, numeri registrati nei mesi più brutti dell’emergenza ovvero quando eravamo in pieno lockdown. Il virus non si ferma anzi è nel picco dei contagi. Sono 11 le regioni italiane con l’indice Rt salito a 1. Il Governo si riunirà oggi, 5 ottobre 2020, per decidere se inasprire le misure restrittive. Probabilmente verrà esteso l’obbligo dell’uso della mascherina all’esterno a tutti. Al momento le regioni sono libere di scegliere, ma già da questo weekend molte hanno imposto l’obbligo di mascherina all’esterno.

Leggi anche: Coronavirus, Trump: “Aveva 39 di febbre ma non voleva andare in ospedale”

coronavirus obbligo mascherina

Coronavirus mascherina

I contagi si alzano e il Governo corre ai ripari. Oggi sarà una giornata decisiva i rappresentanti politici si riuniranno per decidere come procedere. Alcune misure sono già state dichiarate. L’emergenza sanitaria è stata prolungata fino al 31 gennaio 2021, quindi non più fino a fine dicembre. Il 7 ottobre uscirà probabilmente un nuovo dpcm che quasi sicuramente inasprirà le norme di sicurezza. Prima fra tutte l’obbligo di indossare in tutto il paese le mascherine anche all’aperto. Ma l’idea è anche un coprifuoco per bar e ristoranti e l’esercito in strada a impedire assembramenti da movida. Al momento, per la mascherina all’aperto, sono le regioni che decidono in autonomia e quindi c’è un po’ di caos, visto che ognuna decide modi e tempi. Le multe per chi non si adegua sono salate da 400 a 3.000 euro.

coronavirus obbligo mascherina

Obbligo mascherina

E’ obbligo di mascherina già da sabato 3 ottobre nelle Marche e in Puglia. La decisione segue di qualche ora quella del governatore Michele Emiliano in Puglia e quelle prese nei giorni precedenti da Basilicata, Calabria, Campania, Lazio e Sicilia. “È fatto obbligo durante l’intera giornata, – è scritto nell’ordinanza  – sull’intero territorio regionale di usare protezioni individuali delle vie respiratorie (mascherine) anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) in caso di formazione di assembramenti”. Da oggi, lunedì 5 ottobre, anche il Piemonte proclama l’obbligo di uso della mascherina all’esterno. Al momento la multa per chi trasgredisce in queste regioni è di 400 euro. >> Tutte le breaking news

Seguici sul nostro canale Telegram

"fratelli tutti" enciclica papa

“Fratelli tutti”, cosa dice la nuova enciclica di Papa Francesco

Nicola Zingaretti a Che tempo che fa

Zingaretti a “Che tempo che fa”: «Io nel governo? Sto bene dove sto»