in

Coronavirus impiego plasma guariti, il virologo Clementi: «Cautela, possibili rischi»

Coronavirus plasma dei guariti. Si parla da alcuni giorni di sperimentazione di una nuova terapia per i malati di Covid-19 basata sull’utilizzo del plasma di pazienti guariti. Nella comunità scientifica la discussione è partita da alcuni giorni. Tra i contributi più interessanti è arrivato, oggi, quello di Massimo Clementi, ordinario di Microbiologia e Virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’Irccs ospedale San Raffaele, intervistato dall’Adnkronos Salute.

Coronavirus plasma dei guariti

Coronavirus plasma dei guariti, Clementi: “Serve cautela”

“Cautela. Condenserei il mio messaggio così”, afferma il virologo. L’impiego del plasma dei guariti da Sars-CoV-2, premette, “può essere un trattamento interessante in alcuni casi, pochi perché ovviamente serve una donazione di sangue”, e “sono convinto che chi lo usa lo faccia per il bene dei pazienti. Però non vedo questo approccio come particolarmente utile e neanche meritevole di una discussione così
accanita”. Da un lato “ancora manca un’evidenza scientifica che non siano i 2 o 3 casi aneddotici che vengono riportati. Serve uno studio ampio e controllato – precisa Clementi – in grado di dimostrare un legame diretto con la guarigione che vedo, perché una guarigione può esserci anche spontaneamente”. Dall’altro lato, poi, l’esperto mette
in guardia dai possibili rischi.

coronavirus plasma dei guariti clementi

Coronavirus plasma dei guariti: i possibili rischi

“Un plasma – spiega il virologo – anche se purificato, contiene tutti gli anticorpi della persona da cui è stato ottenuto. Conseguentemente potrebbero anche esserci degli anticorpi che è bene evitare di somministrare a un altro”. Il problema, puntualizza Clementi, non è tanto la possibilità di trasmettere infezioni diverse da Covid, poiché “il rischio infettivo dovrebbe essere scongiurato” in virtù delle procedure di sicurezza utilizzate. E’ piuttosto quello di iniettare in un organismo dei ‘boomerang immunitari’ che potrebbero danneggialo: lo specialista pensa alla “possibile presenza di anticorpi che reagiscono contro componenti ‘self’, propri dell’uomo. Come noto esistono infatti malattie autoimmuni, malattie allergiche”.

Se di anticorpi deve trattarsi, dunque, secondo Clementi “sarebbe bene somministrare solo quelli che servono. E più che con un plasma di origine umana, questa cosa si può fare utilizzando anticorpi monoclonali. Adesso non li abbiamo nei confronti di questo nuovo coronavirus, ma c’è qualcuno che ci sta lavorando. Quella a mio avviso è la strada”. Senza contare che “anche altri farmaci efficaci cominciano a esserci”, fa notare l’esperto, benché per ora “mutuati da altre infezioni virali o da altre discipline mediche”. >> Tutte le notizie sul Coronavirus

mercedesz Henger

Mercedesz Henger Instagram atomica, selfie in intimo allo specchio: «E Diletta Leotta muta»

Salvatore Parolisi e l’amante, lui le chiedeva di mentire agli inquirenti: le drammatiche telefonate