in

Coronavirus, decine di americani seguono il consiglio di Trump e si iniettano disinfettante: tutti in ospedale

Coronavirus Trump e l’uscita “nefasta” sui disinfettanti da iniettarsi per combattere il virus. Il presidente aveva fatto queste dichiarazioni giovedì durante il quotidiano briefing sull’emergenza Covid-19, salvo rettificare dopo breve tempo. E purtroppo alcune decine di americani avrebbero preso alla lettera le parole del proprio presidente. Il New York City’s Poison Control Center riferisce infatti di aver ricevuto almeno 30 chiamate nelle 18 ore successive alle osservazioni di Trump. Si trattava di decine di persone che si sono intossicate per aver seguito consigli che non avevano alcun fondamento scientifico, anzi erano stati subito smentiti dagli esperti.

Coronavirus Trump

Coronavirus Trump e il consiglio pericoloso, il centro antiveleni: “10 persone si sono iniettate candeggina”

Il Dipartimento della salute ed igiene mentale di Ne York ha fatto sapere che in un periodo di 18 ore, fino alle 3 di venerdì scorso, il centro antiveleni ha registrato 30 casi. Tra questi, nove “specificamente di esposizione a Lysol, 10 casi specifici riguardanti candeggina e 11 casi sull’esposizione ad altri detergenti per la casa”, ha detto il portavoce del dipartimento Pedro F. Frisneda a un quotidiano online neewyorkese.

Lo stesso giorno, il commissario per la salute della città ha diffuso un messaggio che scoraggia i newyorkesi dall’iniezione di candeggina e altri disinfettanti. “Molto chiaramente, i disinfettanti non sono intesi per ingestione né per bocca, per orecchio, inspirandoli – in alcun modo forma o forma. E farlo può mettere le persone a grande rischio”, ha detto il dottor Oxiris Barbot in un video pubblicato su Twitter.

L’invito ad ingerire disinfettanti non è arrivato solo da Trump

Per onore del vero, l’invito ad ingerire disinfettanti per combattere il coronavirus non è arrivato solo da Trump. Peraltro il presidente Usa ha ripreso le sue osservazioni il giorno successivo, definendolo una domanda sarcastica per i giornalisti, “solo per vedere cosa sarebbe successo”. Agenzie di sanità pubblica, esperti medici e almeno un produttore del settore hanno ampiamente sollecitato a ingerire disinfettanti e detergenti domestici in qualsiasi forma. Indipendentemente dall’impatto del suggerimento, i casi segnalati di esposizione e ingestione di disinfettanti e detergenti sono aumentati, secondo i dati dei centri antiveleni americani, riferisce il sito d’informazione indipendente americano npr.org. >> Tutte le notizie dall’estero

federica lelli instagram

Federica Lelli Instagram, primo piano elettrizzante: «Che “brocche”… pensavo fosse la Leotta»

Coronavirus fase 2, si allentano le restrizioni personali: sì a visite a parenti e amici