in

Coronavirus negli Usa, studio choc: “A New York morti l’88% dei malati in ventilazione”

Coronavirus Usa. L’88% dei malati di Covid-19 ricoverati nelle strutture del Northwell Health, il più grande sistema sanitario nello Stato di New York, che avevano bisogno del supporto della ventilazione polmonare, è deceduto. Lo studio choc è stato realizzato dal consorzio di ricerca sul Covid-19 del Northwell Health, pubblicato sul Journal of american medical association (Jama). Secondo i ricercatori  al 4 aprile l’88% dei malati sottoposti a ventilazione è morto nei 12 ospedali che fanno capo al Northwell Health.

coronavirus usa

Coronavirus Usa: a New York percentuale di decessi molto elevata

In totale, il 21% dei pazienti Covid-19 curati presso il Northwell Health è deceduto, ovvero 553 pazienti. Ma tra il 12% di chi aveva bisogno di ventilatori per respirare, il tasso di mortalità è salito all’88%. Il tasso era particolarmente alto per i pazienti di età superiore ai 65 anni con necessità di ventilatori: solo il 3% è sopravvissuto.

Lo studio ha esaminato le cartelle cliniche elettroniche di 57mila pazienti ricoverati all’interno del Northwell Health e da queste è emerso che più della metà, ovvero il 57%, soffriva di pressione alta, il 41% era obeso e il 34% aveva il diabete. “Dei pazienti che sono morti, quelli con diabete avevano maggiori probabilità di aver ricevuto ventilazione meccanica invasiva o cure in terapia intensiva rispetto a quelli che non avevano il diabete”, affermano i ricercatori guidati da Safiya Richardson del Feinstein Institutes for Medical Research. Si è inoltre registrato un tasso di mortalità superiore tra gli uomini, rispetto alle donne. >> Le notizie dall’estero

coronavirus trivulzio scandalo

Coronavirus Trivulzio scandalo, pazienti spostati prima di morire: bilancio vittime ancor più grave

coronavirus lettera anziano

Coronavirus, la straziante lettera di un anziano deceduto in una Rsa: come muoiono i nostri nonni