in

Allentamento misure in Alto Adige: riaprono negozi, parrucchieri, bar e ristoranti

Covid Alto Adige. L’Alto Adige è attualmente zona rossa. Il presidente della regione, Arno Kompatscher, aveva istituito misure più restrittive rispetto alle altre zone d’Italia con lo stesso colore. Questo provvedimento era necessario a contenere la diffusione dei casi di coronavirus, che stavano aumentando drasticamente. Da lunedì prossimo per l’Alto Adige le misure anti-Covid saranno quindi meno restrittive.

>>Fraschini: “Roviniamo la vita ai giovani per salvare pochi vecchietti. W Darwin”: commento choc del consigliere di Pavia

negozi Covid

 

Covid Alto Adige: le nuove misure

La Provincia di Bolzano a partire dal 30 novembre revocherà le restrizioni introdotte a livello locale. Dunque nella provincia alto atesina riapriranno negozi e parrucchieri. E’ inoltre prevista la didattica in presenza per la prima media. Dal 4 dicembre il presidente Kompatscher vuole allentare ancora, riaprendo bar e ristoranti. Il governatore ha inoltre annunciato la che dal 4 dicembre riapriranno tutte le scuole.

L’annuncio arriva dopo che il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla Provincia autonoma di Bolzano. L’ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020. Il provvedimento del ministro non è in contrasto con l’annuncio di Kompatscher. Dallo scorso 8 novembre infatti la Provincia di Bolzano aveva deciso in autonomia la zona rossa per tutta l’Alto Adige, con restrizioni più dure rispetto a quelle previste a livello nazionale, tra cui ad esempio la chiusura dei servizi alla persona. Dal 30 novembre le misure saranno quindi meno restrittive, uguali a quelle previste dalla zona rossa.

coronavirus obbligo mascherina

Screening di massa in Alto Adige

La decisione di allentare le misure è stata presa dopo i risultati dello screening di massa. Secondo Kompatscher i dati epidemiologici della provincia autonoma sono in miglioramento. Aiuterà a migliorare la diffusione del virus anche l’isolamento imposto a 3.400 asintomatici che sono stati individuati attraverso l’attività di screening.

L’attività di screening, appunto, ha portato a effettuare più di 350mila test in Alto Adige nel fine settimana. I test proseguiranno fino a domani nelle farmacie e anche dai medici di famiglia. È stato quindi raggiunto l’obiettivo del 70% della popolazione testata. Con i tamponi finora effettuati, le persone sottoposte all’esame sono in totale 352.176. Di queste sono 3.380 quelle risultate positive. Per quanto riguarda i nuovi contagi, però, la situazione è ancora complicata in Alto Adige. Sono 16 i decessi registrati nelle ultime 24 ore, per un totale di 490 dall’inizio dell’epidemia. Al di là dello screening di massa, sono 1.414 i tamponi molecolari effettuati, con 160 nuovi casi positivi registrati. I pazienti Covid ricoverati sono 315, a cui aggiungerne 133 nelle strutture private convenzionate e 44 che si trovano invece in terapia intensiva, in aumento di sei nelle ultime 24 ore. In isolamento domiciliare ci sono invece 9.958 persone. >>Tutte le notizie

Nek ospedale

Nek è in ospedale: l’artista è stato operato d’urgenza dopo un infortunio

Coronavirus, Tobia (Federfarma): “Non vaccinarsi è una follia da negazionisti della prima ora”