in

Covid, Cartabellotta (Gimbe): “Incremento casi non omogeneo”, cosa ci aspetta nei prossimi mesi

Covid aumento casi in Italia non omogeneo. “A Trieste i numeri cominciano a preoccupare. In aumento anche gli ingressi in terapia intensiva, ma situazione ospedaliera abbastanza tranquilla, l’unica Regione che rischia la zona gialla è il Friuli Venezia Giulia”. A sostenerlo è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus. (Continua a leggere dopo la foto)

Covid aumento casi in Italia non omogeneo

Covid aumento casi in Italia non omogeneo: la situazione fotografata dalla Fondazione Gimbe

Sulla situazione Covid in Italia, Nino Cartabellotta sulla base dei numeri costantemente monitorati da Gimbe, offre una fotografia dettagliata e senza allarmismi. “Il dato oggettivo è che siamo in ascesa nel numero dei casi, va detto però che questa circolazione del virus non è omogenea in tutto il Paese”, ha affermato. “A Trieste i numeri cominciano a preoccupare, poi ci sono Bolzano e Gorizia. Stanno aumentando anche gli ingressi giornalieri in terapia intensiva. Però la situazione ospedaliera è sostanzialmente molto tranquilla”, ha sottolineato il medico.

“L’unica regione che rischia di vedere il giallo in tempi non lunghissimi è il Friuli Venezia Giulia, nelle altre Regioni la situazione è ampiamente sotto controllo”, ha proseguito il presidente Gimbe. “Al 15 novembre 2020 avevamo 7 regioni in zona rossa, 9 in zona arancione, quindi oggi dobbiamo dire grazie ai vaccini per trovarci in questa situazione. Va detto anche che c’è stato un cambio di criteri per i colori delle regioni, se oggi avessimo gli stessi criteri dell’anno scorsa già diverse regioni sarebbero in zona arancione e altre in zona rossa”.

I vaccinati in Italia e i decessi correlabili

“Nell’ultima settimana il numero di nuovi vaccinati è aumentato: circa 20mila vaccinati nuovi in più rispetto alla settimana precedente. E’ una piccola conquista che va nella giusta direzione”, ha sottolineato Cartabellotta. “Sulle terzi dosi si procede in maniera non omogenea. Ci sono differenze regionali enorme. Ci sono regioni che hanno già raggiunto il 100% per la dose agli immunodepressi, altre regioni invece stanno sotto la media nazionale del 50%. Per quanto riguarda la dose booster agli anziani la copertura nazionale è del 50%, anche qui ci sono notevoli differenze a livello regionali”.

Sui decessi correlabili al vaccino in Italia, il presidente Gimbe snocciola i numeri. “Sono 16, la maggior parte dei quali riferiti a persone anziane con patologie multiple. Dobbiamo sempre distinguere il numero di segnalazioni che si basano semplicemente sulla sequenza temporale, poi vengono indagati dall’Aifa questi decessi e vengono confermati solo quelli correlabili”.

Covid aumento casi in Italia non omogeneo: possibile evoluzione della situazione sanitaria

Sui possibili scenari per i prossimi mesi Cartabellotta, ai microfoni di Radio Cusano Campus, è altrettanto chiaro. “Abbiamo grandi difficoltà a sviluppare modelli previsionali perché sono tante le dinamiche in gioco. Più aumentano i casi e più aumentano i ricoveri, ovviamente in misura minore rispetto all’era pre-vaccino. Quanto più si utilizzano precauzioni come le mascherine tanto più si riduce la circolazione del virus. Inoltre quanto più abbiamo una copertura vaccinale elevata, anche con le terze dosi, tanto più si riducono i ricoveri. Certo è che rispetto ad altri Paesi europei siamo messi meglio. Io ho fatto la terza dose l’altro giorno, un po’ di dolore al braccio, ma sono già operativo, invito tutti a farla”.

Seguici sul nostro canale Telegram

anagrafe Torino

Torino, uffici dell’anagrafe in tilt: probabile attacco hacker

covid italia contagi

Covid, allarme degli esperti: «In cinque regioni rischio incidenza a 250 tra due settimane»