in

Crisi di governo, Di Maio smentisce un possibile incarico: “Vogliono mettermi contro Conte”

Oggi iniziano le consultazione con i primi gruppi parlamentari per cercare di porre la parola fine a questa crisi di governo. Sarà presente anche Italia Viva che, secondo alcune indiscrezioni, pare stia pensando di proporre il nome di Luigi Di Maio come nuovo Presidente del Consiglio. Questa mossa, ovviamente, metterebbe in crisi la maggioranza che, al contrario, sta puntando a creare il Conte ter, un nuovo esecutivo capitanato sempre da Giuseppe Conte e che vedrebbe l’esclusione del partito di Matteo Renzi. Al momento, comunque, il ministro degli Esteri ha smentito tutti i retroscena su un suo possibile incarico.

>>  Leggi anche: Crisi di governo, Feltri e la feroce promessa a Conte: «Giuro che se lo fanno secco…»

crisi di governo

Crisi di governo, Luigi Di Maio smentisce l’ipotesi di diventare Premier

“Noi non ci caschiamo ma, a essere maliziosi, viene da pensare che questa operazione sia pensata da chi ha come obiettivo finale quello di arrivare a un governo tecnico“, hanno dichiarato alcune fonti del Movimento 5 Stelle. La smentita di una sua possibile candidatura arriva anche all’Ansa tramite altri pentastellati: “Luigi è una figura di riferimento e una risorsa per il Movimento, ma mettere in mezzo il suo e altri nomi in questo modo è un chiaro tentativo di delegittimarlo” e di metterlo contro Conte. Secondo gli esponenti del Movimento 5 Stelle, quindi, questi sarebbero tutti rumors figli di una strategia volta a dividerli, per questo ribadiscono di essere dalla parte del Premier Conte.

Di fatto, le possibilità di riuscire a mettere in piedi il Conte Ter sembrano sfumare sempre di più. Il gruppo dei “responsabili” in Senato, degli “europeisti”, infatti, non è sufficiente ad assicurare i numeri che servirebbero al presidente del Consiglio dimissionario.

luigi di maio

“Tirano in ballo il mio nome per mettermi contro il Presidente Conte”

“Di Maio ha avuto due occasioni per essere premier, ne sono testimone oculare. Nella prima bastava alzare il telefono e rispondere a Berlusconi. L’Ipotesi di Maio è una boutade. Lui direbbe sicuramente di no” nel caso in cui fosse proposto come alternativa a Conte, ha dichiarato Alessandro Di Battista durante la trasmissione Accordi e Disaccordi. Già nei giorni scorsi Di Maio aveva sottolineato la sua vicinanza, e quella del Movimento 5 Stelle, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Dopo questi retroscena, però, ha dovuto ribadire nuovamente la sua posizione: “Tirano in ballo il mio nome col chiaro intento di mettermi contro il Presidente Conte. Sanno benissimo che sto lavorando fianco a fianco con lui, con la massima lealtà, per trovare una soluzione a questa inspiegabile crisi di governo”.>> Tutte le notizie di UrbanPost

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Chiara Caraboni

crisi governo conte

Crisi governo, Conte: «Non mi umilio per Renzi», i partiti salgono al Colle

Pregliasco

Passaporto vaccinale, Pregliasco: «Così torniamo prima alla normalità», ma c’è chi è contrario