in

“Dimartedì”, scontro duro tra Di Battista e Abete: «Senza Draghi ci sarebbero le cavallette…»

Duro confronto al programma in onda su «La7» «Dimartedì» tra l’ex deputato del M5s, Alessandro Di Battista, e Luigi Abete, presidente onorario della Luiss Guido Carli. Oggetto della querelle l’esecutivo Draghi su cui l’attivista italiano è stato, come dire, lapidario: «Questo è un governo dell’assembramento dove tutti stanno essenzialmente per provare a farsi vedere e per mettere i loro deretani, spesso flaccidi, su poltrone governative. È nato all’insegna del motto ‘non togliere ma dare agli italiani’ e oggi invece i conti della stragrande maggioranza degli italiani sono decisamente prosciugati rispetto a un anno fa», l’osservazione mordace dell’ex pentastellato.

leggi anche l’articolo —> L’Ucraina toglie il sonno a Draghi: la mossa dello sceicco per trovare il gas

di battista abete

“Dimartedì”, scontro duro tra Di Battista e Abete «Senza Draghi ci sarebbero le cavallette…»

Luigi Abete si è sentito subito di ribattere: «Secondo me, abbiamo fatto bene a fare questo governo. Ma certamente questo non significa affidare al presidente del Consiglio una capacità magica di risolvere tutti i problemi, perché Mandrake, grazie al cielo, non esiste. Draghi però ci dà una stabilità percepita». «Mandrake non esiste? Verissimo. Il problema è che Draghi è stato descritto da gran parte della stampa come un Mandrake e un Messia arrivato dal cielo. Fondamentalmente è stato descritto in maniera vergognosa», ha replicato Di Battista. «Immaginiamo come sarebbe oggi il Paese se non avessimo il governo Draghi. Non è che solo l’Italia soffre dell’inflazione, della crisi del gas, del rischio delle materie prime. Sono rischi che stanno soffrendo tutti i Paesi», ha risposto l’ex presidente della Banca Nazionale del Lavoro. Di Battista però non ha mollato e con sarcasmo ha detto: «Beh… Ci sarebbero le cavallette senza Draghi. Non so, le piaghe d’Egitto, la morte collettiva». «Ma che c’entra?», la risposta stizzita di Abete.

di battista abete

«Ci sono andato. Io ci vivo nella periferia»

«La verità è che quell’uomo così capace di risolvere i problemi è così importante che gran parte dell’establishment lo voleva al Quirinale per i prossimi 7 anni e non è stato eletto presidente della Repubblica dal Parlamento», ha spiegato poi l’ex deputato del M5s. Abete non si è fatto intimorire:
«Senza Draghi avremmo avuto la crisi sociale ed economica». «Vada a dirlo a chi vive nelle periferie», ha risposto a muso duro Di Battista. «Ci sono andato. Io ci vivo nella periferia», la replica tranchant dell’imprenditore. Leggi anche l’articolo —> Paragone torna ad attaccare Draghi: “Pnrr? Tutte fandonie, lui qui solo per un motivo”

di battista abete

Seguici sul nostro canale Telegram

terremoto Livorno

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6,2 ha colpito il Guatemala

Zingaretti si dimette

Liste d’attesa infinite nel Lazio: dal 2014 Zingaretti promette un cambiamento che non c’è stato