in

Dinamometri a molla: cosa sono, come funzionano e dove trovarli

La valutazione dell’intensità di una forza è una rilevazione che può tornare utile in differenti ambiti, non esclusivamente quelli tecnici e professionali. Lo strumento che consente di fare ciò si chiama dinamometro, quello più semplice è il modello a molla. In tali dispositivi basta fissare la massa a un gancio e lasciare che venga attratta dalla forza gravitazionale, quindi, si potrà leggere il valore di tale grandezza su una scala graduata.

Dove acquistare i dinamometri a molla

Pur essendo uno strumento molto semplice, è importante acquistare un dinamometro di qualità che duri nel tempo e dia misure precise. Per tale ragione è indispensabile selezionare un negozio affidabile che commercializza esclusivamente dispositivi realizzati a opera d’arte. Per trovare i migliori dinamometri a molla ci si può rivolgere a una realtà online come RS Components, che propone un’ampia selezione di articoli di qualità dei migliori marchi disponibili sul mercato.

Ordinare è molto semplice, con pochi click si mette nel carrello tutto ciò che serve e poi si processa l’ordine, in questo modo si riceverà la merce direttamente all’indirizzo fornito. In caso di dubbi si può contattare l’assistenza telefonica e se ci si accorge di aver sbagliato acquisto fare il reso.

Come funziona un dinamometro

La misura in un dinamometro a molla si ottiene grazie all’allungamento della molla, un corpo realizzato in metallo che può modificare la sua forma, ciò è regolato dalla legge di Hooke, che correla l’espansione alla forza, in assenza di tale corrispondenza biunivoca lo strumento sarebbe del tutto inutile.

A tal proposito è fondamentale anche la taratura del dispositivo, che consente di ridurre l’errore di ogni misura. Scegliendo un e-commerce di qualità per l’acquisto c’è la possibilità di visionare la documentazione tecnica di ogni prodotto, ciò è un vantaggio per comprendere le caratteristiche dello strumento e vedere se questo è conforme alle normative legislative vigenti. Un altro aspetto da tenere presente quando si fanno le rilevazioni è il supporto dove viene fissato il dinamometro, oltre a assicurarlo bene in modo che non si sganci bisogna anche scegliere un appiglio che regga il suo peso in aggiunta al carico che vi si ancorerà.

Caratteristiche dei dinamometri a molla

Il dinamometro a molla è costituito da un anello al quale è legata una molla che scorre in un involucro di plastica sul quale è presente una scala graduata, che spesso presenta varie grandezze, così da non dover fare delle conversioni. Il tutto termina con un gancio al quale si applica la massa da valutare. Anche se gli strumenti sembrano tutti simili in realtà variano l’uno dall’altro. I parametri da considerare sono:

  • Risoluzione, cioè la minima variazione che lo strumento riesce a misurare.
  • Portata quindi il peso massimo che può sopportare.

Prima dell’acquisto è opportuno valutare queste grandezze altrimenti si potrebbe scegliere un dinamometro che non va bene per le proprie esigenze in quanto non riesce a misurare masse particolarmente piccole o grandi.

I dinamometri a molla, la maggior parte delle volte, servono per quantificare la forza peso ciò spiega la loro grande diffusione, parimenti a ciò le loro dimensioni contenute consentono di portarseli sempre dietro, possono essere tenuti in una borsa o anche in tasca. Molte persone li usano per valutare il peso delle valigie prima della partenza quando si viaggi in aereo, ma si possono impiegare pure in altri ambiti molto specifici come quello medico per constatare se un arto abbia ripreso la sua funzionalità ed è in grado di sviluppare una certa forza. Anche nel settore industriale il dinamometro potrebbe essere indispensabile per comprendere la forza sviluppata da oggetti o strutture che devono essere issati su scaffalature o impalcature.

Seguici sul nostro canale Telegram

governo draghi dimissioni

Stefano Cingolani pronto a dimettersi? “Non c’è più bisogno di me”

Draghi Quirinale 2022

Draghi al Quirinale? Macché, scoop di “Dagospia”: il nome che mette d’accordo (quasi) tutti | Retroscena