in

Dora Lagreca fidanzato indagato, parlano le amiche: cosa emerge di sconcertante

È indagato per istigazione al suicidio Antonio Capasso, il fidanzato di Dora Lagreca, la donna di 30 anni, originaria di Montesano sulla Marcellana (Salerno), morta a Potenza nella notte tra venerdì e sabato scorso dopo essere precipitata da un balcone al quarto piano di una palazzina di via Di Giura, nel rione Parco Aurora. Divideva l’appartamento col suo compagno. La famiglia della giovane “esclude il suicidio” e chiede “la verità” sulla morte della trentenne.

leggi anche l’articolo —> Potenza, Dora Lagreca morta dopo un volo dal quarto piano: ascoltato il fidanzato

Dora Lagreca

“È successo mezz’ora prima”. Dora Lagreca, cosa emerge sulla 30enne: ultime notizie sul caso

Il fidanzato di Dora Lagreca, la giovane morta a seguito delle ferite riportate dopo la caduta da un balcone al quarto piano, è indagato per istigazione al suicidio. Eppure è stato lui a chiamare i soccorsi, a raccontare ai Carabinieri di aver cercato di fermare la fidanzata senza riuscirci. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Potenza. Sono ancora tanti i punti da chiarire. Mediante l’avvocato Revinaldo Lagreca, i famigliari hanno fatto presente infatti che “non c’era alcuna sintomatologia che potesse far pensare a un suicidio”. A dire la sua sul caso anche il sindaco di Montesano sulla Marcellana, Giuseppe Rinaldi: “Ci sembra molto strano che Dora possa aver compiuto un gesto estremo decidendo di farla finita”. Stando al prima cittadino “è impossibile che sia potuto accadere. Anche l’avvocato di famiglia è concorde e così come la comunità. Chi la conosce bene sa che Dora era una ragazza solare, allegra, piena di vita e di progetti. Venerdì, prima di recarsi dal fidanzato, è stata a casa dei suoi familiari, ha parlato con una zia del matrimonio di un cugino che si sarebbe tenuto la prossima settimana. Niente faceva presagire questa tragedia. Conoscevo personalmente Dora e la sua famiglia, siamo legati anche da parentela, abitiamo poco distanti. L’ipotesi del suicidio non convince. Cosa possa essere accaduto non lo sappiamo, ma ci auguriamo che si possa far luce quanto prima su quello che è realmente accaduto. Vivere in questa incertezza è un doppio strazio per la famiglia”. Il sindaco ha detto di non conoscere il fidanzato di lei, anche se “alcune volte era venuto in paese”.

Dora Lagreca

«Lei non mi ha mai detto che le aveva messo le mani addosso, ma…»

Nella puntata di “Storie Italiane” odierna ampio spazio al caso. Una delle amiche della 30enne a proposito del rapporto tra la ragazza e il suo compagno ha detto: «Lei non mi ha mai detto che le aveva messo le mani addosso, ma erano molto scontrosi e quando litigavano lo facevano molto pesantemente e succedeva spesso». E ancora: “Lui era geloso e possessivo, le controllava il telefono e non si fidava di lei. Lei ha provato a distaccarsi, poi lui le prometteva che cambiava e lei ci ricascava. Hanno sempre litigato”. Un’altra ha dichiarato: “Io non credo al suicidio, per come la conosco io era una cosa impossibile, lei aveva voglia di vivere. Ma poi come è possibile, a mezzanotte e mezza mi manda un video in cui si divertiva, come posso pensare che mezz’ora dopo abbia scelto di suicidarsi?”. Leggi anche l’articolo —> Laura Ziliani, oggetti importanti al vaglio del Ris: si fa largo l’ipotesi del depistaggio

Dora Lagreca

Seguici sul nostro canale Telegram

Laura Ziliani

Laura Ziliani, oggetti importanti al vaglio del Ris: si fa largo l’ipotesi del depistaggio

Covid oggi 2.494 nuovi casi e 49 morti, ancora in calo le persone ricoverate