in

Manovra fiscale, 8 mld per il taglio delle tasse. Novità su bonus, pensioni e RdC

Draghi Manovra Fiscale 2022 – Mercoledì 20 ottobre 2021. Otto miliardi di euro per tagliare le tasse, sui 23 totali della legge di Bilancio. Il Consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il Dpb (Documento Programmatico di Bilancio), che definisce la cornice della manovra. Dalla sforbiciata alle “gabelle”, che porterà più soldi nelle tasche degli italiani, agli interventi per contenere il tanto temuto caro-bollette. Proroga del Superbonus per l’edilizia anche nel 2023, ma solo per i condomini. Un miliardo in più per il reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del M5s, che però sarà rivisto; inasprite, infatti, le misure per contrastare i furbetti. La Lega ha espresso una riserva politica sulla riforma delle pensioni. Di Quota 102 e 104 si discuterà però con tranquillità nei prossimi giorni in vista del varo della Legge di bilancio in un altro Cdm.

leggi anche l’articolo —> Così Mario Draghi ha spazzato via populisti e sovranisti (e senza flettere la sua agenda)

Draghi, Manovra fiscale 2022: 8 mld per il taglio delle tasse. Novità su bonus, pensioni e RdC

Non è ancora nella sua forma migliore, quella definitiva. Lo scheletro però della Manovra fiscale 2022, voluta da Mario Draghi, c’è: il Cdm ha dato il via libera al Dpb, che a stretto giro arriverà a Bruxelles. Una manovra da 23 miliardi, di cui 8, lo ripetiamo, serviranno per alleggerire le spese degli Italiani. Stamani nelle comunicazioni al Parlamento in vista del Consiglio Europeo il premier lo ha ribadito: «Il Governo si è impegnato a contenere il rincaro delle bollette. Lo scorso giugno avevamo già stanziato 1,2 miliardi per ridurre gli oneri di sistema. Poche settimane fa, siamo intervenuti ulteriormente, con più di 3 miliardi, per calmierare i prezzi nell’ultimo trimestre dell’anno, soprattutto per le fasce più deboli della popolazione».

Grande lavoro del ministro dell’Economia Franco

Tra le misure contenute nella manovra fiscale 2022 una stretta anti-furbetti sul reddito di cittadinanza, nuovi meccanismi per l’uscita anticipata per le pensioni, una prima embrionale riduzione delle tasse. Secondo quanto si apprende, sarebbe stato confermato che alla prossima manovra saranno destinate risorse pari all’1,2% di Pil. Grande il lavoro fatto dal ministro dell’Economia Daniele Franco che per tutto il giorno, ieri, ha incontrato le delegazioni dei partiti insieme allo staff di Palazzo Chigi, chiedendo di elencare le priorità, cari a quella determinata forza politica. A spingere perché quegli otto miliardi nella bozza finale diventino dieci, soprattutto, Forza Italia e Italia Viva. L’obiettivo sarà ad ogni modo quello di favorire il ceto medio, specialmente chi rientra nel terzo scaglione Irpef. Superbonus, ecobonus al 65% e sconti al 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici green saranno rinnovati. Dovrebbe anche trovare attuazione la richiesta di ridurre dal 22% al 10% l’Iva sugli assorbenti, la nota ‘tampon tax’.

Manovra fiscale, Cdm approva approva all’unanimità il Dpb

Con la legge di Bilancio arriverà un finanziamento aggiuntivo per il Reddito di cittadinanza da circa 1 miliardo per il 2022. Stretta sui furbetti: maggiori saranno i controlli da parte dello Stato anche in misura preventiva. Non solo, come riferisce Sky Tg24 “si introdurrà un meccanismo di decalage dell’assegno a partire dalla seconda offerta di lavoro rifiutata da parte dei beneficiari occupabili, circa un terzo dei percettori dell’assegno”. Con la modifica del RdC ci si avvierà anche ad una riforma degli ammortizzatori sociali. Nulla di concreto al momento: la Lega avrebbe espresso riserve a proposito dell’aumento delle contribuzioni previdenziali per le piccole imprese. Vero nodo il tema delle pensioni. “Sulle pensioni ci sono diverse ipotesi in ballo, ma nessuna decisone su quota 100 è stata presa, così come chiesto dai ministri della Lega. Nei prossimi giorni si decideranno modalità e tempi delle modifiche del sistema pensionistico. Escludo qualsiasi ritorno alla legge Fornero”, ha fatto sapere il ministro Giancarlo Giorgetti al termine del Cdm di ieri. In manovra potrebbe essere introdotta nel 2022 ‘Quota 102’ e nel 2023 ‘Quota 104’, ma sono decisioni ancora tutte da prendere. Leggi anche l’articolo —> Sondaggi politici: Fratelli d’Italia primo partito, seguono Lega e PD

Seguici sul nostro canale Telegram

switch off tv oggi

Switch off oggi, nuova tv digitale: le novità, quali canali non si vedono più

Catania false esenzioni vaccino Covid

Catania, certificavano false esenzioni per il vaccino Covid: denunciati 4 medici