in

“Dritto e Rovescio”, Cruciani: «Volevano impiccare Conte, ora tutti zitti e muti nel governone»

La crisi economica in cui versa il nostro paese non è meno grave di quella sanitaria. Non poche categorie vessate dell’emergenza Covid chiedono di riaprire le proprie attività nel rispetto dei protocolli. “L’inconsistenza dei ristori è evidente, l’ha detto anche Mario Draghi”, ha tuonato Paolo Del Debbio, a “Dritto e rovescio”, il talk politico in onda su Rete4, che ogni giovedì dà voce a ristoratori, parrucchieri, estetisti e così via. Professionisti e dipendenti che lamentano i lockdown continui, le false ripartenza e le mancate riaperture.

leggi anche l’articolo —> Covid, il bollettino di oggi: 23.696 nuovi casi e 460 morti, +32 in intensiva

dritto e rovescio

“Dritto e Rovescio”, Cruciani: «Volevano impiccare Conte, ora zitti e muti, tutti nel governone»

In studio si è discusso a lungo dei Ristori dopo un breve video che mostra l’intervento del premier Draghi: «Questo decreto è una risposta significativa molto consistente alle povertà, al bisogno che hanno le imprese e ai lavoratori, è una risposta parziale ma il massimo che abbiamo potuto fare», le parole del presidente del Consiglio sul Sostegni. Immediato l’intervento di Giuseppe Cruciani: «Se Conte avesse fatto le stesse cose che ha fatto Draghi in questi giorni sulla questione ristori, e non solo, probabilmente lo avrebbero impiccato, crocifisso e saremmo stati qui a dire vergogna!», ha dichiarato l’opinionista. «Tu parli senza sapere, adesso difendi anche Conte», ha replicato Claudia Fusani, giornalista di “Tiscali”. «L’unica differenza è che Draghi, rispetto al parac***smo di Conte, ha detto onestamente che non ci sono i soldi ma questo non modifica la realtà, a questa gente non frega nulla», ha risposto il conduttore de “La zanzara”.

dritto e rovescio

«Questi signori giustamente protestano per i Ristori…»

E ancora: «Purtroppo, mentre prima c’era qualcuno, Forza Italia e Lega, che diceva ‘vergogna Conte, non date i ristori’, ora tutti zitti e muti. E questi signori qui che giustamente protestano e dicono che i ristori di Draghi sono briciole assolute non hanno più voce, non hanno nessuno che si batte per loro. Prima Salvini, Gasparri dicevano ‘cattivo Conte’, ora tutti zitti e allineati». «Tutti nel governone, tutti nel governone», ha ripetuto lo stesso Paolo Del Debbio. Leggi anche l’articolo —> Autocertificazione “non c’è obbligo di dire la verità”, la sentenza: perché è un precedente “pericoloso”

 

Cambio colore regioni

Cambio colore regioni, Lazio verso l’arancione, stabile la Lombardia: le nuove previsioni

Matteo Renzi Enrico Letta incontro

Matteo Renzi, sì Letta no M5S: Italia Viva “decisiva in questo governo e nel prossimo”