in

“Elisa di Rivombrosa”, braccio di ferro con Maurizio Costanzo per il titolo: «Lui non voleva…»

Il sabato pomeriggio di Canale 5 si tinge di passione. A 17 anni di distanza torna in replica ‘Elisa di Rivombrosa’, la serie in costume diretta da Cinzia TH Torrini, che è stato trasmessa per la prima volta nel dicembre del 2003. La storia d’amore tra Elisa Scalzi e il conte Fabrizio Ristori torna a far sognare i vecchi telespettatori e a conquistare le nuove generazioni. Un piacevole ritorno che è stato accolto con entusiasmo sui social dal pubblico. In un’intervista recente la regista ha spiegato che l’idea iniziale era ben diversa rispetto a quanto poi trasmesso in tv.

leggi anche l’articolo —> Jane Alexander, provino di ‘Elisa di Rivombrosa’: «C’ero rimasta male, poi Alessandro Preziosi…»

Elisa di Rivombrosa

Elisa di Rivombrosa, braccio di ferro con Maurizio Costanzo per il titolo: «Lui non voleva…»

«L’idea iniziale era di fare una serie tratta dal romanzo “Pamela, o la virtù premiata” di Samuel Richardson. Si sarebbe dovuta chiamare “Pàmela”, con l’accento sulla prima a… Avremmo dovuto girare in inglese, in Irlanda. Cominciai a fare provini in inglese ad attori italiani ma mi rendevo conto che mi orientavo più sulla pronuncia che sull’interpretazione: non funzionava. Abbiamo allora deciso di girare in italiano», ha dichiarato a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’ Cinzia TH Torrini. E la serie ha avuto un fan d’eccezione«Erano andate in onda solo due puntate quando un giorno suonò il telefono. “Pronto, sono Franco Zeffirelli” disse una voce. “E io sono Federico Fellini!” risposi. “Sul serio, sono Franco, volevo complimentarmi con te perché la serie mi piace moltissimo!”», ha aggiunto la regista.

elisa di Rivombrosa

«Quella volta la spuntai io. Poi mi inviò una bellissima composizione di fiori…»

Cinzia TH Torrini ha svelato anche un’incredibile retroscena che ha a che fare con Maurizio Costanzo. Al marito di Maria De Filippi, che allora era il capo della Fiction Mediaset, che la serie potesse chiamarsi ‘Elisa di Rivombrosa’ non andava a genio: «Per il titolo ci fu un braccio di ferro tra me e Maurizio Costanzo: lui non voleva aggiungere “di Rivombrosa” sostenendo fosse troppo complicato, ma “Elisa” sembrava il nome di una soap qualsiasi, io la volevo nobilitare. Quella volta la spuntai io. Per l’ultima puntata Costanzo mi inviò una bellissima composizione di fiori con un biglietto: “Avevi ragione”», ha confidato la 65enne fiorentina. leggi anche l’articolo —> “Elisa di Rivombrosa” in tv dopo quasi 20 anni: tutti i segreti della fiction (tenetevi forte)

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

George Clooney su Elisabetta Canalis: «Nessuna donna mi ha fatto ridere quanto lei»

Martina Pinto Instagram

Martina Pinto Instagram, lato B in bella mostra: «Lo zoom è fondamentale!»