in

Jane Alexander, provino di ‘Elisa di Rivombrosa’: «C’ero rimasta male, poi Alessandro Preziosi…»

Su ‘Di Lei’ l’intervista di Irene Vella a Jane Alexander, attrice, conduttrice televisiva e modella britannica naturalizzata italiana, famosa per aver recitato il ruolo della perfida marchesa Lucrezia Van Necker nella fiction in costume ‘Elisa di Rivombrosa’ (2003-2005), serie tv di Canale 5, diretta da Cinzia Th Torrini, che vedeva nel cast Vittoria Puccini, Alessandro Preziosi e Luca Ward. Nel corso della chiacchierata la 47enne, all’epoca sconosciuta, ha raccontato come è riuscita ad ottenere la parte. Un ruolo che le ha cambiato certamente la vita: sono arrivate di lì a poco Ho sposato un calciatore per la regia di Stefano Sollima e La freccia nera, diretta da Fabrizio Costa.

leggi anche l’articolo —> Jane Alexander Instagram esagerata, tanga e lato B in mostra: «Anche tu come Naike Rivelli?»

Jane Alexander

Jane Alexander, provino di ‘Elisa di Rivombrosa’: «Ero rimasta male del trattamento ricevuto, poi…»

Jane Alexander vuota il sacco e per la prima volta svela come ha agguantato il ruolo della marchesa Lucrezia, una delle antagoniste più odiose e al contempo più sexy del piccolo schermo. «Allora io ero andata a firmare il contratto per Zengi (game show notturno andato in onda su La7, ndr) dal mio agente di allora Rocco Calabrò. Tramite lui mi fu chiesto di fare quel provino», ha confidato la 47enne. «Il giorno che mi sono presentata sul set per sostenerlo mi sono accorta di essere la più sconosciuta, erano presenti tutte attrici già famose. C’erano Vanessa Gravina, Irene Ferri. Ti dico solo che non mi truccarono, la parrucca non era fermata per bene, non avevo le scarpe giuste, sembrava una di quelle giornate che iniziano male, destinate a finire peggio. Invece colpisco nel segno, visto che vengo chiamata per un secondo provino. Ma ero rimasta talmente male dal trattamento ricevuto al primo che non mi studio nemmeno la parte, mi presento per non fare brutta figura e mi accorgo però che l’aria è già cambiata nei miei confronti», ha proseguito.

Jane Alexander

«Alessandro Preziosi mi disse: ‘Tu adesso improvvisi, ma questa parte l’avrai’»

Eh già forse il primo provino aveva fatto breccia: «Trucco pazzesco di Bruno Tarallo, vestito perfetto, parrucca ad incorniciare e mi sono vista così bella guardandomi allo specchio, da pensare di non riuscire mai più ad essere così». L’incontro con l’attore che avrebbe interpretato il conte Fabrizio Ristori, rimasto nel cuore di tutte noi: «Passo per il parcheggio della De Paolis e mi imbatto in Alessandro Preziosi, che aveva appena finito di fare il suo provino davanti a tantissima gente, lui mi ferma e mi dice “io non so chi tu sia, ma voglio fare il provino con te”. Io avevo il foglio in mano perché non avevo studiato la parte, lui lo prende, lo butta per terra e mi dice: “Adesso tu improvvisi, ma tu questa parte l’avrai.”. Ed io ho avuto la parte», ha confessato Jane Alexander. E sembra un po’ una sequenza da film quella raccontata dall’attrice. Se non altro un retroscena all’altezza di ‘Elisa di Rivombrosa’ stessa, che è stata una delle fiction di maggior successo della storia della tv. leggi anche l’articolo —> Rita Dalla Chiesa si racconta ai microfoni di Io e Te: «Avance indesiderate? Basta dire no»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

anna tatangelo

Anna Tatangelo Instagram, scollatura esagerata e labbra da mordere: «Come si fa a non fare zoom?»

eleonora boi

Eleonora Boi Instagram, il bikini striminzito non contiene l’abbondate seno: «Wow, troppo bona!»