in

Elodie cresciuta tra droga e degrado: «A 12 anni mi facevo le canne tutto il giorno»

«Oggi non mi sento tormentata. Considero il mio passato la mia fortuna: mi ha dato la possibilità di vedere la vita cruda fin dall’inizio e non l’ho subìta», così Elodie Di Patrizi in un’intervista concessa a “Il Corriere della Sera”. La cantante, tra le artiste più seguite del momento, ha raccontato di essere cresciuta nel quartiere Quartaccio, una delle periferie a nord di Roma. Una vita tra droga e degrado: senza acqua calda in casa, con la responsabilità di badare alla sorella di soli pochi anni più piccola. «Mia mamma faceva la cubista, era una ragazza con problemi, mi ha avuta a 21 anni», ha raccontato Elodie, che poi ha parlato di entrambi i genitori che soffrivano di tossicodipendenza: «Non ho reagito arrabbiandomi, anche se poi ho avuto dentro di me tanta rabbia per parecchio tempo. Ho detto vabbè vi do una mano, cerco di capire come aiutare». 

leggi anche l’articolo —> Elodie Instagram regina dell’estate, numeri da capogiro e fascino smisurato: «Preziosa»

Elodie

Elodie cresciuta tra droga e degrado: «A 12 anni mi facevo le canne tutto il giorno»

A 19 anni Elodie, esasperata, ha voluto lasciare casa sua «perché la situazione era veramente tosta e non sapevo più come gestirla»: «Non mi va di addossare colpe a loro, ai miei, ma sono stata anni a tentare di sistemare una cosa che non è sistemabile, non da una ragazzina. Erano persone che stavano molto male», ha spiegato la cantante, che si è classificata seconda alla 15esima edizione di “Amici” di Maria De Filippi, vincendo il Premio della Critica Vodafone e il Premio RTL 102.5. «Tornavo a casa e non c’era l’acqua calda, non riuscivo a studiare, provavo a proteggere mia sorella che ha tre anni meno di me: cercavo di non farle capire quanto andassero male le cose», ha confessato a cuore aperto la compagna di Marracash.

Elodie

«Il mio grande rimpianto? Essere ignorante. Mi fa sentire a disagio»

Elodie ha un grande rimpianto: non aver studiato. La cantante ci ha messo anni a dire pubblicamente di non avere il diploma ma solo la terza media: ha frequentato il liceo fino al quinto, poi a maggio si è ritirata: troppa era la paura dell’esame, il timore di fallire. «Ti senti sporco, questa è la verità. È un contesto che rischia di inghiottirti. Non studiamo, a nessuno gliene frega niente. Io ho la terza media e per dirlo ci ho messo anni: mi vergognavo come una ladra. Rimpiango moltissimo il fatto di essere ignorante. Mi fa sentire a disagio, anche perché sono stata vigliacca: ho fatto il liceo fino al quinto anno, senza mai essere bocciata. Arrivata a maggio, mi sono ritirata. Non mi sentivo all’altezza di fare l’esame. […] Avevo solo paura del fallimento, una cosa che mi ha accompagnata a lungo», ha spiegato l’artista.

Elodie

Elodie: «Odiavo i bulli ma ero scontrosa come un bullo. Avevano paura di me perché ero un po’ isterica»

«A 12 anni mi facevo le canne tutto il giorno: iniziavo la mattina e finivo la sera. Ogni giorno. Ho iniziato in seconda media, per stare tranquilla: ero sempre arrabbiata. […] Bevevo anche, uscivo e tornavo alle 7 del mattino, a 15 anni: ho avuto una libertà totale. E se hai troppa libertà sbagli», ha svelato pure Elodie, che ha detto la sua anche sul bullismo: «Odiavo i bulli ma ero scontrosa come un bullo. Avevano paura di me perché ero un po’ isterica, secca secca, nervosa. Avevano paura dei miei occhi, di cos’altro? Ai bulli devi far capire che sei forte, fargli sentire quel disagio che vogliono incutere loro stessi». Leggi anche l’articolo —> Elodie Di Patrizi fisico statuario: tripudio social per i suoi outfit

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Nicola Zingaretti a Che tempo che fa

Zingaretti a “Che tempo che fa”: «Io nel governo? Sto bene dove sto»

giornata mondiale insegnanti

Giornata mondiale degli insegnanti 2020: «Nessuno può conoscere il disagio di queste prime settimane!»