in

Erika Stefani riprende Draghi: aveva sbagliato il suo cognome al Cdm

Erika Stefani, ministra per le Disabilità in quota Lega, è stata ospite in collegamento ad “Un Giorno da Pecora”, la trasmissione che va in onda su Rai Radio 1. In tale circostanza ha svelato un aneddoto particolare in Consiglio dei Ministri con il presidente del Consiglio Mario Draghi. L’ex numero uno della Bce è incappato in una gaffe e lei lo ha prontamente ripreso.

leggi anche l’articolo —> Chi è Erika Stefani: curriculum e biografia

Erika Stefani draghi

Erika Stefani riprende il premier Draghi: aveva sbagliato il suo cognome al Cdm

La ministra per le Disabilità Erika Stefani, in collegamento ad “Un Giorno da Pecora” ha confidato un episodio curioso che ha a che fare con l’attuale presidente del Consiglio. L’esponente della Lega ha raccontato dello scivolone commesso dal premier. Cosa ha fatto l’ex direttore della Banca di Italia? Draghi ha sbagliato l’accento sul cognome di Erika Stefani. «Incappano tutti in questo clamorosissimo errore, vari presidenti di Camera e Senato e anche Draghi una volta in Cdm», ha ammesso sconsolata la ministra ospite del programma di Rai radio 1, come riportato anche da alcuni siti come “Libero”. La stessa ha poi spiegato di aver sottolineato al premier lo scivolone. Incalzata dai conduttori di “Un Giorno da Pecora” la Stefani ha detto: «Prima di riprenderlo, ho premesso che sarei passata alla storia come quella che ha ripreso Draghi. Quando ha sbagliato l’accento non ho lasciato correre, l’ho ripreso e gliel’ho detto. Il presidente del Consiglio ha sorriso e basta, sono ancora lì e quindi non è stata una reprimenda così fastidiosa». Poi ha aggiunto sorridendo: «Matteo Salvini? Invece lui non lo sbaglia il mio cognome». Leggi anche l’articolo —> Draghi, gaffe clamorosa del direttore della Fao: ecco come si è rivolto al premier

Erika Stefani draghi

Nel medesimo errore era incappato anche Giuseppe Conte

Oltre a Mario Draghi anche un altro premier è incappato nel medesimo errore: si tratta di Giuseppe Conte. «Deve essere una prerogativa dei presidenti del Consiglio», ha ironizzato la Stefani. Quest’ultima ha svelato infine il motivo per cui preferisce essere chiamata ministro: «Perché ministra fa tanto di… minestra», ha scherzato al programma radiofonico. Leggi anche l’articolo —> Mario Draghi e quella volta che fulminò la moglie: «Stai zitta», scivolone in pubblico

 

Riorientamento universitario, quando è necessario per cambiare corso di laurea

massimo giletti

Massimo Giletti e la nuova vita sotto scorta: «Pago il prezzo di una grande solitudine»