in

Chi è Felix Afena-Gyan, l’attaccante classe 2003 sceso in campo con la Roma

“Ringrazio tutti alla Roma per le opportunità che mi stanno dando. Sono molto felice. Mourinho crede in me, per questo mi ha mandato in campo. Devo continuare a lavorare duro e avere una mentalità forte, per poter aiutare la squadra”. La felicità di Felix Afena-Gyan, attaccante classe 2003 ghanese, nel vestire la maglia giallo-rossa della Roma è palpabile. Questa occasione gli ha permesso di cambiare radicalmente la sua vita, e lui ne è consapevole, oltre che estremamente grato. Ma chi è Felix, da dove arriva e come ha fatto a farsi conoscere dalla società capitolina?

Felix Afena-Gyan

Felix Afena-Gyan, chi è il nuovo attaccante della Roma

Eternamente grato. Farò in modo di renderti orgoglioso“, ha dichiarato Felix Afena-Gyan dopo la partita Cagliari-Roma. Il suo riconoscimento nei confronti di Josè Mourinho è altissimo: “Sono molto felice. Mourinho crede in me, per questo mi ha mandato in campo. Devo continuare a lavorare duro e avere una mentalità forte, per poter aiutare la squadra. Sin dal primo giorno di allenamento sto imparando dai compagni e ascolto quello che dice il tecnico. Mi concentro su ciò che mi dice il tecnico”. Felix ieri sera ha fatto il suo debutto con la maglia giallo-rossa come unico 2003. Ha giocato mezz’ora, dimostrando la sua velocità e la naturalezza che ha contribuito alla rimonta della sua squadra.

Ma chi è Felix Afena-Gyan? Come è arrivato alla Roma? Qual è la sua storia? Nato in Ghana, da piccolo giocava a calcio nella sua scuola, indossava la fascetta da capitano. Nella sua carriera è sempre stato fondamentale l’appoggio della madre: è stata proprio lei, infatti, a provare a farlo entrare nella squadra più importate del Ghana, l’Asante Kotoko. Il Club, tuttavia, non aveva un settore giovanile, e per questo il ragazzo venne rifiutato. Per fortuna, però, Felix non ha mai perso le speranze: qualche mese dopo è stato segnalato all’Eur Africa Academy, una prestigiosa scuola che tenta di scovare i giocatori africani più promettenti. Lì è stato notato dal procuratore Olivier Arthur, un uomo che continuamente cerca giovani talenti da portare nel calcio europeo. E questo è proprio quello che è successo a Felix: insieme sono partiti per l’Italia, dove è state segnalato a più squadre. La prima a rispondere, però, è stata proprio la Roma. In poco tempo è diventato un elemento fondamentale della Primavera di De Rossi. E non si esclude che presto lo diventerà anche per Mourinho.

ARTICOLO | Santopadre, il ladro ucciso dal tabaccaio non si chiamava Mirel: la sua identità era falsa

ARTICOLO | Trovato morto di fronte al suo locale lo chef sardo che aveva partecipato a “4 Ristoranti”

L’agente di Felix: “Bravo Mourinho a credere in lui”

“Ogni giorno do il massimo per migliorare. Il debutto è una grandissima emozione, non so spiegare cosa provo, ma sono davvero felice. Ringrazio tutti per il supporto che mi hanno dato, specialmente la squadra e il coach. Sono davvero felice. Ringrazio davvero tutti quelli che mi supportano. A mia mamma che è in Ghana voglio dire “ti voglio bene”. Grazie anche al mio agente”, ha aggiunto poi dopo la partita.

“Non ci aspettavamo un suo impiego così presto in prima squadra. Sono molto contento per Felix, questo è stato un regalo per tutti i sacrifici che ha fatto in questi anni. E complimenti a Mourinho che ha dimostrato di essere un grande allenatore che migliora e dà fiducia ai giovani talenti. Il mister aveva parlato con Felix gli scorsi giorni dicendogli che lo considera un bravo giocatore. Quelle parole sono state importanti per dare fiducia al ragazzo, intimidito naturalmente per il suo primo ingresso nello spogliatoio dei grandi. Sono convinto che Felix non deluderà il mister, ha tanta voglia di giocare e di diventare un giocatore importante”, ha commentato infine il suo agente. >> Tutte le notizie di UrbanPost

Seguici sul nostro canale Telegram

pensioni oggi draghi

Quota 102, Opzione donna e Ape sociale: cosa prevede la riforma delle pensioni

reddito di cittadinanza taglio assegni

Reddito di cittadinanza, le novità: taglio degli assegni e offerte di lavoro