in

“Di Martedì”, Figliuolo “zittisce” la Murgia: «La divisa? Per me è un orgoglio»

Figliuolo Murgia divisa della discordia – Mercoledì 26 maggio 2021. «Io spero che questa divisa rassicuri. Questa divisa è un’uniforme che per me vuol dire oltre 40 anni di impegno, di passione e di orgoglio». Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario all’emergenza Coronavirus, ospite al programma ‘Di Martedì’ su La7. La regia, ad un certo punto, ha fatto riascoltare all’uomo di fiducia di Draghi le dichiarazioni di qualche settimana fa della scrittrice Michela Murgia in quello stesso studio: «Mi inquieta vedere un commissario in divisa, io non ho mai subito il fascino della divisa. Io in tv, a parte le forze dell’ordine, in divisa ho visto solo i dittatori stranieri».

leggi anche l’articolo —> Chi è Francesco Paolo Figliuolo, il nuovo commissario all’emergenza Covid

figliuolo divisa

Figliuolo Murgia divisa della discordia: la replica del generale a “Di Martedì”

Nello studio di “Di Martedì” il generale Figliuolo ha ascoltato in silenzio, senza batter ciglio, l’intervento della scrittrice Michela Murgia sull’abitudine dell’uomo di apparire sempre in divisa. Alla parola “dittatori stranieri” però l’espressione del volto del Commissario per l’emergenza Covid, chiamato in tempi record da Draghi per sostituire Domenico Arcuri, si è fatta scura.

Un leggero disappunto, un’uggia più che comprensibile. «Sono una persona comune che ha avuto la fortuna, con tanto sacrificio e tanta passione, di vincere un concorso all’Accademia Militare, di impegnarmi, di studiare, di operare sul campo e fare attività organizzativa, di raggiungere il vertice della mia forza armata. Sono sempre stato al servizio dell’Italia, del mio paese. E in tutte le attività in Italia e all’estero ho visto tanta gente soprattutto nei posti più martoriati del mondo. Quando vedevano un uniforme, soprattutto le uniformi dei militari italiani, vedevano giustizia e protezione», ha spiegato sempre a “Di Martedì” il commissario per l’emergenza Figliuolo.

figliuolo divisa

Perché è stato scelto un militare?

«Perché è stato scelto un militare? Penso servisse una persona che decida rapidamente in base alla capacità di saper fare pianificazione operativa e logistica tenendo ben presente tutte le variabili che scendono in un campo così complesso come quello della campagna vaccinale nazionale», ha dichiarato Figliuolo, replicando così alla scrittrice. Leggi anche l’articolo —> Covid, Figliuolo: «Prenotare le vacanze in base all’appuntamento vaccinale»

Shopper: come catturare l’attenzione di nuovi potenziali clienti

blocco licenziamenti

Blocco dei licenziamenti in scadenza, 600mila posti di lavoro a rischio: i settori in crisi