in

Figliuolo in Piemonte: «No Vax? Siamo in un Paese libero», ultime notizie sui vaccini

Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’Emergenza Covid-19, si è recato nelle prime ore della mattinata di oggi, lunedì 26 luglio 2021, alla Nuvola Lavazza di Torino, prima tappa della visita in Piemonte. Il centro vaccini, aperto lo scorso 7 maggio, ha somministrato finora ben 96mila dosi di vaccino, come sottolinea ‘Leggo’, e omaggiato le persone con 30.491. Fuori dall’hub vaccinale è emersa dirompente la spaccatura tra chi era in coda per ricevere l’inoculazione e chi manifestava con scritte del tipo “I bambini non sono cavie”, alludendo al fatto che fossero in corso lì le vaccinazioni per la fascia d’età 12-15 anni. Donne e uomini uniti sotto il grido «libertà, libertà», mentre la curva dei contagi ha ripreso a salire.

leggi anche —> Firenze, Saverio Tommasi attaccato a suon di “vaf*****o e pedate sulle gambe” durante una manifestazione contro il green pass

figliuolo piemonte

Figliuolo in Piemonte: «No Vax? Siamo in un Paese libero», ultime notizie sui vaccini

Sui migliaia di no vax che non hanno smesso per tutto il week end di protestare contro il Governo Draghi per il Green Pass obbligatorio, da Milano a Torino, da Bologna a Roma, da Genova a Lecce, è intervenuto anche il generale Francesco Paolo Figliuolo«Ho visto che ci sono tanti giovani, c’è anche qualcuno contrario, è giusto così: è un paese libero», ha spiegato il segretario per l’emergenza. Poi ha aggiunto: «Sulle vaccinazioni c’è diritto di critica, ma noi andiamo avanti con le evidenze scientifiche. Basta ricordare che la poliomielite è stata debellata grazie alle vaccinazioni. Ognuno faccia le scelte che crede, ma vanno messe in evidenza le affermazioni scientifiche. Vaccinandoci salviamo la nostra vita e quella di chi ci sta vicino».

E ancora: «Bisogna informarsi dal punto di vista scientifico. Io rispondo che oggi abbiamo fatto oltre 65 milioni e 300 mila inoculazioni, questo vuole dire che i cittadini italiani sanno bene quello che devono fare. Poi il dissenso è libero ed è giusto che ci sia», ha sottolineato Figliuolo. L’uomo di fiducia del premier ha un obiettivo: avere entro la fine di settembre l’80% dei cittadini vaccinati. «Oggi siamo al 56%, e lo ritengo un buon risultato. Ora dobbiamo continuare senza mollare la presa», ha detto fermo Figliuolo.

figliuolo piemonte

«Credo che a brevissimo sarà autorizzato dall’Aifa anche il vaccino di Moderna per i giovanissimi»

«Sugli over 80 siamo al 91% di vaccinati, questo vuole dire avere messo in sicurezza le nostre radici, anche per le giovani vite che arriveranno. Siamo un pò sotto sugli over 60, con una situazione un pò a macchia di leopardo, e mi aspetto una ulteriore spinta sulla fascia 50-59», ha osservato sempre Figliuolo. Qualche parola anche sul ritorno a scuola sempre più vicino: «Portare in presenza tutti: non possiamo permetterci un altro anno come quello che abbiamo passato».

Mancano all’appello in Piemonte, come nel resto di Italia, ancora tanti docenti e operatori scolastici da vaccinare. Bisogna ragionare sulle decisioni che li hanno portati ancora a non prenotarsi, a detta di Figliuolo, che non si è sbilanciato sull’obbligatorietà dei vaccini per insegnanti e personale Ata: «Sono riflessioni che devono essere prese a livello di cabina di regia e di Consiglio dei Ministri. In questo momento non sono in grado di dirlo, aspettiamo come vanno i dati». Buone notizie però ci sono: «Credo che a brevissimo sarà autorizzato dall’Aifa anche il vaccino di Moderna per i giovanissimi, e questo ci darà ulteriore flessibilità per poter effettuare con speditezza le vaccinazioni», ha concluso il commissario per l’emergenza Covid in Italia. Leggi anche l’articolo —> Covid oggi nuovi casi in calo (4.743), risale però il numero dei ricoverati anche in intensiva

figliuolo piemonte

Elon Musk

Elon Musk, genio e follia: da Marte ai tunnel sotterranei

Padova sfruttamento manodopera

Padova, sfruttamento di manodopera alla Grafica Veneta: 11 persone arrestate