in

Forza Nuova, altra minaccia dopo gli scontri: “La rivoluzione non si ferma”

Forza Nuova oggi torna a minacciare, la rivolta non si ferma. Le prossime ore si annunciano davvero calde, complicate da gestire. I sindacati di base saranno in piazza per uno sciopero generale, ma sono previste altre mobilitazioni di No Vax programmate grazie ai social network. Da venerdì 15 ottobre 2021 scatterà l’obbligo di Green Pass per tutti i lavoratori e non è difficile immaginare proteste che potrebbero coinvolgere varie città del Paese. Allerta massima da parte della Polizia, come ha precisato il capo Lamberto Giannini. La ministra Lamorgese, criticata da ogni dove per l’assalto alla sede della Cgil, ha convocato per mercoledì un comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza. Obiettivo dell’esecutivo un monitoraggio più attento degli ambienti potenzialmente più pericolosi.

leggi anche l’articolo —> Roma, 12 arresti per il corteo “no green pass”: ci sono anche i vertici di Forza Nuova

forza nuova oggi

Forza Nuova oggi non indietreggia, altra minaccia dopo gli scontri: “La rivoluzione non si ferma”

Intanto Forza Nuova ha fatto sapere attraverso un comunicato di non voler fare alcun passo indietro“Da lunedì, dal 15 ottobre, e fino a che il Green pass non verrà ritirato definitivamente la rivoluzione popolare non fermerà il suo cammino, con o senza di noi”. Riferendosi agli arresti nel movimento di estrema destra dopo i disordini a Roma, gli esponenti hanno aggiunto: “La giornata di sabato fa da spartiacque tra vecchio e nuovo. Il popolo ha deciso di alzare il livello dello scontro”. E ancora: “Non è certo arrestando alcuni nostri dirigenti che il sistema impaurito e nervoso potrà fermarlo. Nemmeno lo scioglimento di Fn potrebbe invertire la rotta di quanto sta avvenendo e avverrà nelle prossime settimane”, si apprende ancora.

Il comunicato porta la firma dei militanti di Forza Nuova Giuseppe Provenzale, Luca Castellini, Davide Pirillo e Stefano Saija. Tutti decisi ad opporsi al Green Pass obbligatorio per i lavoratori“Mesi di piazze pacifiche non hanno fermato l’entrata in vigore delle norme sul Green pass, ma ora la musica è cambiata e il direttore d’orchestra e compositore è solo il popolo in lotta che ha deciso di alzare il livello dello scontro”.

forza nuova oggi minaccia

Errori grossolani e sottovalutazioni non sono più ammesse

Nel comunicato si parla anche dell’assalto brutale alla sede della Cgil: “Danno la croce addosso ad un movimento politico che non rappresenta che una piccolissima componente delle centinaia di migliaia di italiani esasperati. Dell’antifascismo, e con esso delle vecchie categorie ideologiche del secolo scorso, al popolo attaccato con violenza e ferocia inaudite dal regime non interessa nulla”. Parole forti che scuotono Palazzo Chigi: il presidente del Consiglio Mario Draghi ha parlato in queste ore con la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, con il sottosegretario delegato Franco Gabrielli, con i collaboratori più stretti. Errori grossolani e sottovalutazioni non sono più ammesse: come è stato possibile non intercettare le violente intenzioni di alcune forze estremiste che partecipavano alla manifestazione No Green Pass?

La gente è costretta “a difendersi dalla ferocia unanime di chi dovrebbe rappresentarlo, l’attacco alla Cgil rientra perfettamente in questo quadro analitico”, un altro dei passaggi dolorosi nel comunicato steso da Forza Nuova e condiviso da alcuni siti come “Tgcom24”. Leggi anche l’articolo —> Roma, pronto soccorso dell’Umberto I assaltato dopo corteo no green pass

forza nuova

Seguici sul nostro canale Telegram

Sciopero generale oggi, stop dei trasporti: orari e fasce garantite

no green pass draghi

No Green Pass e Forza Nuova, Draghi sceglie la linea dura: stretta sui cortei ma non solo