in

Gigi Proietti, il saluto di Enrico Brignano al suo mentore: «Grazie, eri e sei pura luce!»

Oggi, 5 Novembre 2020, Roma e l’Italia intera hanno salutato per l’ultima volta Gigi Proietti. L’attore prima del funerale, svoltosi presso la Chiesa degli Artisti, è stato portato al Globe Theatre. Il teatro è stato gestito per anni dal noto artista e proprio per questo ora gli verrà intitolato. Ad attenderlo fan, amici, familiari e soprattutto colleghi. Tantissimi, in un religioso silenzio, hanno voluto dire addio al loro mentore. Tra i volti noti del mondo dello spettacolo, e soprattutto della comicità, c’era Enrico Brignano. L’attore, provato dalla terribile perdita, è riuscito a pronunciare solo poche parole per salutare il suo Maestro. Un messaggio breve che ha commosso nel profondo tutti quanti.

Leggi anche –> L’addio più bello per Gigi Proietti è un arrivederci: la borsa di studio in suo nome

 

Gigi Proietti

Gigi Proietti, il saluto di Enrico Brignano al suo Maestro

La scomparsa di Gigi Proietti ha sconvolto l’Italia intera. La sua Roma questa mattina lo ha saluto con un caloroso applauso mentre attraversava per l’ultima volta le strade della Città Eterna. Ad aspettarlo per l’ultimo addio fuori dalla Chiesa degli Artisti tantissimi colleghi, i quali sono cresciuti professionalmente grazie ai suoi insegnamenti. Come riportato da Il Fatto Quotidiano.it, Enrico Brignano, visibilmente commosso, ha salutato così il mentore: «Maestro mio è arrivato il momento del saluto. Se fossi stato bravo come te avrei composto un sonetto o una poesia… Ma io non so capace e allora lo faccio in prosa a modo mio, come mi viene meglio. Anche se mi viene difficile trovate la forza per salutare te, che sei stato il mio mentore. Eri, sei, un gigante con cui ci siamo dovuti confrontare. Sei stato anche il nostro riparo quando abbiamo avuto bisogno. Grazie Gigi, eri e sei pura luce. Mi piace immaginarti sereno nel viaggio che hai intrapreso, certo di aver fatto un buon lavoro… Non ci sarai per un po’ di tempo. Vedi, non riesco a dire che non ci sarai più».

Gigi Proietti Enrico Brignano

Le parole di Flavio Insinna e Rodolfo Laganà

Flavio Insinna ai microfoni di Sky Tg24 ha ricordato di come sia stato fortunato ad avere incontrato Gigi Proietti: «Sarò sempre suo allievo, ha detto, e per questo l’ho sempre chiamato Maestro, fino all’ultima volta che ci siamo incontrati. Lui sorrideva e mi diceva di chiamarlo solamente Gigi. Ci ha insegnato delle cose che puoi usare anche nella vita: come l’importanza di giocare e studiare per giocare bene. Se ci riesci riesci, se non ti accontenti rimanendo pieno di entusiasmo e curiosità la tua vita sarà più bella». Rodolfo Laganà a Fanpage.it  ha raccontato: «Devo molto a Gigi. Mi ha cambiato la vita, mi ha insegnato questo mestiere e ogni giorno è stata un’esperienza, ogni giorno un racconto, una favola. Mancherà a me e mancherà a tutta Roma. Gigi è la città di Roma, l’ha cantata e l’ha recitata in tutti i modi. Per me, Gigi sarà sempre accanto a me». >> Altri Gossip

Paola turani

Paola Turani Instagram, gambe velate meravigliose: «Bellezza senza tempo»

Vittorio Demicheli sul lockdown in Lombardia

Lombardia zona rossa, Demicheli (direttore Ats Milano): “Lockdown necessario ma tardivo”