in

Addio a Gina Fasan: è stata il primo sindaco donna di Sacile e consigliere regionale

Gina Fasan se n’è andata domenica 20 settembre 2020, proprio nel giorno del suo compleanno. Aveva compiuto 78 anni, ma era malata da tempo. Ex sindaco della città di Sacile nel Friuli Venezia Giulia, prima e unica donna a ricoprire questa carica nel suo paese. Per i sacilesi era “Ginetta”, diminutivo che denotava anche l’affetto di una comunità.

Leggi anche –> Chi è Susanna Ceccardi, candidata presidente in Toscana

gina fasan

Addio a Gina Fasan

Era nata a Sacile il 20 settembre 1942, figlia di Virginio Fasan e Teresa Cabbia. Gina Fasan ha perso suo padre a meno di un anno. Capo meccanico di terza classe della Regia Marina, era imbarcato nel cacciatorpediniere Vivaldi nella seconda guerra mondiale meritandosi la medaglia d’argento al valor militare per il suo comportamento durante lo scontro di Pantelleria nel giugno 1942. Il 9 settembre 1943 si era inabissato nelle acque dell’Asinara, colpito da artiglierie tedesche. Gina è stata cresciuta dalla madre, ma rimane comunque molto legata alla figura del padre.

Dopo la maturità aveva frequentato l’istituto superiore di educazione fisica di Roma dove si era diplomata. Gran parte della sua carriera di insegnante l’ha trascorsa proprio a Sacile all’istituto magistrale. Alla fine degli anni ’80 aveva incrociato la politica nella Democrazia Cristiana; divenne assessore alla sanità e ai servizi sociali dal 1990 al 1993. Lo stesso anno fu eletta sindaco. Ripeteva che prima veniva «la mia Sacile», cui ha dedicato anima e corpo.

gina fasan

L’incarico da sindaco

Un carattere forte e pragmatico, non si arrendeva di fronte a niente. Aveva conquistato la fiducia di tutti, così al termine del suo primo mandato è stata rieletta. Nel 1999 era stata lei a salvare le Giornate del cinema muto che cercavano una sede dopo la chiusura del teatro Verdi di Pordenone. Le aveva portate allo Zancanaro di Sacile.

Si era fatta apprezzare da tutti, maggioranza e opposizione. Nel 2008 aveva mancato di poco la riconferma, ma era stata chiamata ad altri incarichi: consigliere regionale di parità e nel 2010 presidente dell’Efasce di Pordenone. Era stata anche nel consiglio del teatro Verdi di Pordenone.

Vedova da molto tempo, Gina Fasan lascia i figli. I funerali saranno celebrati nel duomo di Sacile mercoledì 23 settembre alle 17; seguirà la sepoltura nel cimitero di Sant’Odorico. >> Tutte le notizie

Regionali 2020, i risultati: tra Centrodestra e Centrosinistra finisce 3 a 3 – LIVE

Grande Fratello Vip

Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini sbotta con Francesca Pepe: «Sei una gran maleducata»