in

Giorgia Meloni, nuove confessioni sul padre: «Mi ha fatto sentire inadeguata»

Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia, che ha da poco dato alle stampe il libro ‘Io sono Giorgia’, in cui si è racconta a 360°, ha concesso un’intervista al settimanale “Chi”, in cui ha parlato dei suoi esordi sul Fronte della gioventù della Garbatella, il quartiere dove è cresciuta, ma anche del rapporto con il padre. La politica ha vissuto con la madre e la sorella Arianna.

leggi anche l’articolo —> Giorgia Meloni ha la laurea? Il curriculum della leader di “Fratelli di Italia”

Giorgia Meloni padre

Giorgia Meloni, nuove confessioni sul padre: «Mi ha fatto sentire inadeguata»

Di quegli anni trascorsi in sezione Giorgia Meloni ha detto: «In quella comunità c’erano tutte persone complesse, alla ricerca di qualcosa. Io ho sempre sofferto del disinteresse di mio padre che a 11 anni non ho voluto più vedere. Mia madre e mia sorella sono sempre state la mia famiglia. Deve essere stato tutto quel dolore, che ho ammesso con me stessa solo dopo anni, a farmi diventare così coraggiosa, desiderosa di riscatto, combattiva e temeraria. L’abbandono di un padre ti fa sentire inadeguata. Come se dovessi conquistarti tutto con fatica», ha rivelato a “Chi” la leader di Fratelli di Italia. E ancora: «Non sono mai stata quella che viene detta in modo un po’ misogino una ‘femminuccia’. Certo, qualcuno deve essersi interrogato sulle difficoltà di avere un condottiero donna. Ho dovuto dimostrare più forza e coraggio degli altri», ha rimarcato la Meloni.

Giorgia Meloni padre

«Mio padre non c’è mai stato. È andato via di casa quando avevo un anno»

Sempre a proposito del padre e della decisione della madre di non abortire, Giorgia Meloni ha detto: «La storia con mio padre era già finita quando è rimasta incinta di me, ma ha deciso di tenermi. Contro tutto e tutti». La 44enne è cresciuta in una famiglia tutta al femminile: suoi punti di riferimento la mamma, la sorella e la nonna. «Mia sorella è la mia guida da sempre, solo lei si può permettere di dirmi certe cose. Io ascolto e sto zitta. La nonna invece è un po’ la responsabile del mio metabolismo distratto. Mi ha supernutrito da bambina e così ho sempre combattuto con un metabolismo pigro», ha detto la Meloni.

Già ospite a “Verissimo” la leader di FdI aveva parlato del suo passato pesante: «Mia mamma ha incontrato molte difficoltà nella vita, ha cresciuto due figlie da sola. A lei devo tutto. Il suo giudizio è uno dei pochi che temo di più. (…) Mio padre non c’è mai stato. È andato via di casa quando avevo un anno. Lui viveva alle Canarie e noi andavamo da lui una, due settimane all’anno e basta. Ma quando avevo undici anni, lui fece un discorso che non si dovrebbe fare ad una ragazzina e io gli dissi ‘Non ti voglio vedere mai più’. Quando è morto non sono riuscita davvero a provare un’emozione, è come se fosse stato uno sconosciuto. La mia infanzia? Mi chiamavano cicciona, mi bullizzavano. I nemici hanno sempre un’utilità perché ti fanno crescere e mettere in discussione». Leggi anche l’articolo —> Chi è Elisabetta Belloni prima donna a capo dei servizi segreti: carriera e vita privata

vaccino Covid Lombardia

Reithera, a che punto siamo con il vaccino Covid italiano? Chiariamo la situazione

Avanti un altro

“Avanti un altro”, Laurenti sfida Bonolis, che perde la pazienza: “Me ne vado”