in

I “Giorni della Merla” sono davvero i più freddi dell’anno? Tra leggende e credenze

Per la tradizione popolare non v’è dubbio: cominciano oggi, 29 gennaio 2021, i famosi tre giorni della Merla, da sempre considerati i più freddi dell’anno. Ma è davvero così come si crede? Attorno a queste tre giornate ruotano diverse leggende. La più classica, riportata da Strettoweb.com, vuole che una merla, “con uno splendido candido piumaggio”, fosse “regolarmente strapazzata da gennaio, mese freddo e ombroso, che si divertiva ad aspettare che lei uscisse dal nido in cerca di cibo, per gettare sulla terra freddo e gelo”.

Leggi anche >> Giornata mondiale dell’Abbraccio: cosa succede quando il contatto fisico è vietato

Giorni della Merla 2021

Giorni della Merla 2021: la leggenda del camino

“Stanca delle continue persecuzioni, – prosegue il mito sui giorni più freddi dell’anno – la merla un anno decise di fare provviste sufficienti per un mese, e si rinchiuse nella sua tana, al riparo, per tutto il mese di gennaio, che allora aveva solo ventotto giorni. L’ultimo giorno del mese, la merla, pensando di aver ingannato il cattivo gennaio, uscì dal nascondiglio e si mise a cantare per sbeffeggiarlo. Gennaio se ne risentì così tanto che chiese in prestito tre giorni a febbraio e si scatenò con bufere di neve, vento, gelo e pioggia.

La merla si rifugiò alla chetichella in un camino e lì restò al riparo per tre giorni. Quando la merla uscì, era sì salva, ma il suo bel piumaggio si era annerito a causa del fumo, e così essa rimase per sempre con le piume nere”. Meno conosciuto, invece, il racconto riportato da Wikipedia circa un tal Sebastiano Pauli, padre e scrittore lucchese, autore di altre ipotesi risalenti addirittura al 1740.

Altre credenze sull’origine della locuzione

“‘I giorni della Merla’ – scriveva il religioso – in significazione di giorni freddissimi. L’origine del quel dettato dicon esser questo: dovendosi far passare oltre Po un Cannone di prima portata, nomato la Merla, s’aspettò l’occasione di questi giorni: ne’ quali, essendo il Fiume tutto gelato, poté quella macchina esser tratta sopra di quello, che sostenendola diè il comodo di farla giugnere all’altra riva. Altri altrimenti contano: esservi stato, cioè un tempo fa, una Nobile Signora di Caravaggio, nominata de Merli, la quale dovendo traghettare il Po per andare a Marito, non lo poté fare se non in questi giorni, ne’ quali passò sopra il fiume gelato”.

Quale che sia la leggenda, una cosa sembra esser certa: i giorni della Merla non corrispondono climaticamente a quelli più freddi dell’anno. A fornire la spiegazione a MeteoWeb è Bernardo Gozzini, direttore scientifico del Consorzio LaMMa, costituito dalla Regione Toscana con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche).

Giorni della Merla 2021

Giorni della Merla 2021: perché non sono i più freddi dell’anno

“I giorni più freddi dell’anno – spiega l’esperto – sono i primi di 10-15 giorni di gennaio: infatti, già dalla 3° decade le temperature iniziano a risalire”. A partire dal 21 dicembre, Solstizio d’Inverno, infatti, la durata del giorno varia e “le ore di luce ricominciano ad aumentare, quindi, logicamente, le ore di insolazione aumentano”. I giorni della Merla “rappresentano – secondo Gozzini – la modalità con la quale nel passato venivano tramandate in modo orale le osservazioni degli agricoltori, soprattutto in riferimento al tempo, molto importante per la loro attività: tramandavano i detti per insegnare a chi veniva quali segnali cogliere e come”.

Sarebbero, dunque, da identificare piuttosto come “gli ultimi giorni più freddi ma poi si va migliorando’, un primo segnale verso la primavera, come in una sorta di esorcizzazione dell’inverno basata sul calendario”. >> Giorno della memoria, Wikipedia approfondisce le testimonianze sulla Shoah contro i negazionisti

Giorni della Merla 2021

Causin (Europeisti): “Bruciare l’ipotesi Conte? A quel punto meglio andare a votare”

Pierpaolo innamorato di Elisabetta

«Pierpaolo innamorato della Gregoraci, ha saputo lavorarselo per bene»: la ‘sentenza’ dell’ex gieffina