in

Video di Beppe Grillo, Giuseppe Conte rompe il silenzio, ma la sua risposta non è gradita

Giuseppe Conte ha deciso di rompere il silenzio ed esprimersi sul video in cui Beppe Grillo difende il figlio accusato di stupro. Ha optato per la diplomazia, l’ex premier Giuseppe Conte; Beppe Grillo no. Il fondatore del M5s ha infatti difeso il figlio con le unghie e con i denti, risultando aggressivo secondo molti. Ma ha anche fatto di peggio: non ha dato importanza alle parole di una donna violentata. Un grave errore per il leader di un movimento che ha sempre difeso le donne e gli abusi, come ha sottolineato Giuseppe Conte. La risposta dell’ex presidente del consiglio non è però piaciuta a molti.

Giuseppe Conte

Le parole di Giuseppe Conte Beppe Grillo e il video shock

Conte ha usato la diplomazia e non ha voluto condannare il collega. L’ex premier ha indorato la pillola mostrando la sua vicinanza sia a Beppe Grillo che alla ragazza che sta portando avanti la denuncia. “Ho avuto modo di parlare con Beppe Grillo in più occasioni e conosco bene la sua sensibilità su temi così delicati. Sono ben consapevole di quanto questa vicenda familiare lo abbia provato e sconvolto. È una vicenda che sta affliggendo lui, la moglie, il figlio e l’intera famiglia. Comprendo le preoccupazioni e l’angoscia di un padre, ma non possiamo trascurare che in questa vicenda ci sono anche altre persone, che vanno protette e i cui sentimenti vanno assolutamente rispettati, vale a dire la giovane ragazza direttamente coinvolta nella vicenda e i suoi familiari che sicuramente staranno vivendo anche loro momenti di dolore e sofferenza”.

ARTICOLO | Usa, svolta contro il razzismo: l’agente Derek Chauvin condannato per l’omicidio dell’afroamericano George Floyd

ARTICOLO | Max Giusti e Selvaggia Lucarelli perché finì la loro storia d’amore

video Beppe Grillo difende il figlio

La risposta di Conte non è piaciuta

Il centrodestra e il Partito democratico non hanno gradito la nota dell’ex premier, dal quale si sarebbero aspettati una posizione netta in favore della presunta vittima di questa triste storia. In molti si stavano chiedendo ieri cosa stesse meditando Giuseppe Conte sulla faccenda. Infatti Valeria Fedeli (PD) aveva pubblicato una nota con la quale sperava di rompere il silenzio dell’ex premier. “Se sul video di Grillo le dichiarazioni di alcuni esponenti del Movimento 5Stelle indignano, il silenzio di Giuseppe Conte preoccupa molto. L’ex premier dica in modo trasparente da che parte sta: con chi denuncia uno stupro o con chi attacca le vittime?”. Poi Andrea Marcucci (PD) ha dichiarato in un post su Twitter che la risposta di Conte avrebbe dovuto essere decisamente a favore della vittima. “La risposta di Conte lascia molte perplessità. La violenza verbale di Beppe Grillo resta senza nessuna vera presa di distanza del M5s. Non c’è stato rispetto per la vittima, né per la magistratura. Un fatto gravissimo senza precedenti”.

Licia Ronzulli (FI) invece ha usato toni più incriminatori per le parole di Giuseppe Conte. Secondo la Ronzulli infatti l’ex premier avrebbe dovuto assumere un atteggiamento più duro nei confronti di Grillo e difendere totalmente la ragazza. “Nella vicenda giudiziaria che coinvolge il figlio di Beppe Grillo non ci sono ‘anche altre persone’, ma ‘soprattutto’ loro: una ragazza che ha denunciato uno stupro e la sua famiglia che, a differenza del leader grillino, non hanno insultato nessuno sfruttando i riflettori mediatici. Scivolone dell’avvocato del popolo Giuseppe Conte o uno vale uno non conta più e la famiglia Grillo viene prima della presunta giovane vittima di una violenza sessuale?”.>>Tutte le notizie

Derek Chauvin condanna

Usa, svolta contro il razzismo: l’agente Derek Chauvin condannato per l’omicidio dell’afroamericano George Floyd

Nuovo decreto Covid oggi

Nuovo Decreto Covid, dalle riaperture al certificato verde: tutte le novità oggi al Cdm