in

Gregoretti, Matteo Salvini: «Sono disposto ad accettare una condanna»

«Avrò anche un processo per Open Arms? Difendere confini e leggi non era mio diritto, ma mio dovere, non da ministro ma da cittadino». Queste le parole del leader della Lega Matteo Salvini a “Radio 24”. L’ex ministro dell’Interno ribadisce quella che sarà la sua linea difensiva al processo del 3 ottobre 2020 a Catania per il caso Gregoretti. «Sono disposto ad accettare una eventuale condanna? Ho piena fiducia nei magistrati», ha affermato il segretario del Carroccio.

leggi anche l’articolo —> Elezioni regionali, il vero sconfitto è Matteo Salvini

Matteo Salvini

Gregoretti, Matteo Salvini: «Sono disposto ad accettare una condanna»

«Avevo fatto una promessa agli italiani. Ho agito con l’accordo del governo, sono assolutamente tranquillo», ha dichiarato Salvini alludendo alla difesa dei confini. Non sarà solo in Sicilia il ‘Capitano’, come lo chiamano i suoi. A Catania, in concomitanza con la prima udienza, sono stati precettati oltre 200 leghisti per due giorni di convegni e seminari. Una dimostrazione di unità, solidarietà con il capo e la forza politica. Il leader dei Verdi ha già depositato la memoria difensiva: si tratta di 55 pagine in cui si chiede il non luogo a procedere rispetto all’accusa di sequestro di persona aggravato dei 135 migranti a bordo della nave, rimasta al largo per giorni nel luglio 2019, che potrebbe condurre ad una condanna fino a 15 anni di reclusione.

Matteo Salvini

Emergenza Covid e misure da adottare: «Io riaprirei gli stadi con il 25% di capienza. Mi sembra una cosa ragionevole»

Nel corso del suo intervento a “Radio 24” Matteo Salvini ha commentato anche i dati delle elezioni appena passate: «Abbiamo perso in Toscana con il 40%, in Puglia e Campania si sarebbe potuto fare di più come squadra, ma dagli errori si può imparare, ma sono abbastanza soddisfatto». E sul cambio ai vertici del partito, con l’arrivo della nuova segreteria politica, il senatore ha detto: «Sono abituato a delegare, lo faremo sempre di più». A proposito del Coronavirus e le misure da adottare in questi mesi il segretario del Carroccio ha affermato: «Io riaprirei gli stadi con il 25% di capienza. Mi sembra una cosa ragionevole, non vedo dove sia il problema. Al gran premio di motociclismo, a Misano, sono entrate 10 mila persone e si sono divertite». Leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini, i processi Open Arms e Gregoretti potrebbero costargli la poltrona

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

vaticano becciu licenziato

Vaticano, Becciu “licenziato” dal Papa per i bonifici alla Coop: «Sono sconvolto e turbato!»

Serena Rossi Instagram, elegante e raffinata sfilata sul molo: «Bella come il sole»